Oggi in Italia vengono registrati altri 846 morti da coronavirus. Il numero dei nuovi casi accertati è di 14.844, frutto di 162.880 tamponi processati: non c’è nessun calo dei contagi giornalieri rispetto a una settimana fa, quando venivano comunicati 14.832 positivi (con 149.232 test). Nel confronto con 7 giorni fa migliora almeno il tasso di positività: era al 9,9% martedì scorso, oggi scende al 9,1 per cento. Un netto miglioramento però rispetto a ieri, quando il rapporto tra casi e tamponi si è assestato all’11,6% (12.030 nuovi positivi frutto di 103.584 test), per via di un importante aumento del numero dei tamponi effettuati: quasi 60mila in più.

I malati Covid ricoverati negli ospedali continuano a calare: oggi sono 423 in meno, 27.342 in totale. Anche il saldo tra ingressi e usciti in terapia intensiva registra un -92, seppure altre 199 persone nelle ultime 24 ore hanno avuto bisogno di accedere ai reparti di rianimazione: in tutto sono 3.003 i posti letto in intensiva occupati da persone con il coronavirus. Il bollettino del ministero della Salute comunica inoltre altri 21.799 guariti: il numero degli attualmente positivi in Italia scende a 667.303.

Il confronto tra i dati dei primi due giorni di questa settimana con quelli di settimana scorsa rendono ancora più evidente come i contagi giornalieri stiano calando più lentamente. Anche la pressione sugli ospedali diminuisce, ma a un ritmo non abbastanza veloce e costante. I nuovi casi tra ieri e oggi sono 26.874, lunedì e martedì scorso erano solo 1.688 in più, seppur frutto di quasi 8mila tamponi in meno effettuati. I ricoveri calano appunto allo stesso medo: -393 in questi ultimi due giorni (-155 in terapia intensiva), -310 la scorsa settimana (-109 in T.I). I morti, infine, sono addirittura aumentati: 1337 decessi tra ieri e oggi a fronte dei 1.162 dei primi due giorni della scorsa settimana.

Le Regioni – Il Veneto resta ancora la regione con il maggior numero di nuovi casi: 3.320 nelle ultime 24 ore. Ai 165 morti in un giorno (il numero più alto) si aggiungono anche i 45 nuovi ingressi in terapia intensiva: nessuno fa peggio. La Lombardia torna a essere la seconda regione per numero di contagi giornalieri (2.404) e conta altri 124 morti. L’Emilia-Romagna oggi registra 1.238 nuovi positivi, in calo rispetto a ieri nonostante 5mila tamponi in più effettuati. Nel Lazio i casi sono 1.159, in Sicilia 1087. Il Piemonte, rispetto a lunedì, ha più che raddoppiato il numero dei test processati e vede raddoppiare anche il numero dei nuovi contagi, che tornano sopra quota mille (1.106). Lo stesso trend anche in Puglia: 10.163 tamponi (ieri 4.878) e nuovi contagi che schizzano da 656 a 1.023 in 24 ore. Calano invece i test effettuati in Campania (solo 8mila). Ancora più emblematico il caso della Calabria, regione che con quasi 2 milioni di abitanti ha processato oggi appena 926 tamponi: 175 i casi trovati. Da segnalare, infine, il Friuli-Venezia Giulia: oggi i nuovi contagi salgono a 829, frutto di 9.766 test (ieri 3.342).

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valanga sulla Marmolada: distrutto un rifugio. La baita sepolta dalla neve: le immagini dall’alto

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Rezza: “Ancora presto per dire se a gennaio potremo riaprire del tutto le scuole”

next