Mille morti ogni 14 giorni, i contagi che continuano ad aumentare rispetto alle scorse settimane e oltre 3mila pazienti Covid ricoverati in ospedale, con un tasso di nuovi ingressi che non accenna a invertire la rotta. Tutto mentre nel resto d’Italia i numeri della pandemia sono in discesa. Il Veneto arriva al Natale con una situazione epidemiologica pesantissima, nonostante la Regione sia sempre rimasta in zona gialla. E dal territorio si moltiplicano gli allarmi, come quello del direttore di due terapie intensive dell’azienda ospedaliera di Padova, Ivo Tiberio: “Noi abbiamo solo quattro posti liberi“, avverte. Se “l’incendio” non verrà spento, “facendo calare malati e ricoveri, rischiamo il default del sistema“. A Verona, una delle province più colpite dal punto di vista sanitario, le prestazioni ordinarie sono state ridotte del 30 per cento, mentre a Padova i sindacati sono in rotta con i vertici degli ospedali per l’infezione che corre tra i sanitari e i turni massacranti a cui sono sottoposti da mesi.

Il governatore Luca Zaia ammette che “la situazione in Veneto è pesante. I ricoveri sono molti: stiamo infatti parlando di oltre 3mila pazienti ricoverati, praticamente mille in più rispetto al picco di marzo-aprile e si tratta di pazienti che hanno una patologia contagiosa e complicata“, ha spiegato in conferenza stampa. D’altronde i numeri dell’ultimo bollettino non lasciano spazio a dubbi: nelle ultime 24 ore sono stati accertati 3.320 nuovi contagi (martedì scorso erano 3.145) e 165 morti, il picco dall’inizio della pandemia (il totale sfiora quota 5mila). Azienda Zero fa sapere che il numero dei decessi è dovuto ai ritardi nella comunicazione dei dati accumulati durante il weekend, ma anche gli altri indicatori fotografano le difficoltà della Regione: nei reparti Covid degli ospedali sono stati occupati altri 57 posti letto, portando il totale a 2.951. Stabili a 373 i ricoveri in terapia intensiva. Il presidente leghista spiega che non va meglio nelle case di riposo, dove la mortalità è aumentata rispetto a marzo. Poi però precisa: “Ci aspettavamo una seconda ondata così intensa, infatti abbiamo passato l’estate a rinforzare la sanità, i posti letto in ospedale e le terapie intensive e abbiamo anche sperimentato tutti i test sul mercato”.

Resta il fatto che la classificazione della Regione in zona gialla, rivendicata sin dal novembre scorso da Zaia come un successo del proprio modello sanitario e finora mai cambiata, potrebbe aver accelerato l’andamento della curva epidemiologica. Lo dimostrano i dati storici, che presentano una regolarità drammatica. Un mese fa, il 15 novembre, il numero dei positivi aveva superato di poco quota 100mila. Oggi il numero è raddoppiato. Non solo: rispetto alle altre Regioni, dove su base settimanale i nuovi casi sono in calo, qui continuano ad aumentare (+15,6% in 7 giorni). Anche l’incidenza dell’infezione è ai massimi: il virus colpisce 523 cittadini ogni 100mila abitanti, mentre la media italiana è a 189 su 100mila. La sequenza dei decessi, inoltre, presenta un incremento di circa mille unità ogni due settimane: il 15 novembre erano stati 2.845; due settimane dopo, l’1 dicembre, sono sono cresciuti di 1.005 unità, arrivando a 3.849. Ancora un giorno e potrebbero arrivare a 5mila.

Una delle province più colpite è Verona, dove l’Ulss 9 è maglia nera per i decessi (1.252) e i ricoveri: 225 in area non critica e 41 in terapia intensiva nel solo capoluogo, 421 in area non critica e 41 in area critica negli altri 7 ospedali della provincia. Praticamente uno ogni quattro ricoverati veneti è veronese. E questo ha indotto il direttore generale Francesco Cobello a ridurre del 30 per cento le prestazioni ordinarie, a detrimento dei pazienti no-Covid. Al secondo posto per numero totale di decessi troviamo la provincia di Vicenza che con 1.000 unità arriva a un quinto del totale. Questa la sequenza per decessi delle altre province: Venezia 806, Treviso 718, Padova 659, Belluno 306, Rovigo 131.

La situazione è pesante soprattutto sul fronte di medici e operatori sanitari. Il medico-eroe Carlo Santucci, nominato cavaliere della Repubblica da Sergio Mattarella e oggi in servizio nel pronto soccorso di Camposampiero (Padova), parla di “situazione drammatica”. Gli ospedali “sono invasi da malati Covid, non resisteremo a lungo”. Parole simili a quelle del direttore della rianimazione a Padova Tiberio, secondo cui il contagio tra medici sta complicando ulteriormente la situazione: “Ogni operatore che si ammala è difficile da sostituire, vista l’alta professionalità dei nostri reparti”. Sempre a Padova i sindacati hanno deciso di rompere le relazioni con i vertici sanitari, dopo che il direttore generale Luciano Flor ha avviato una verifica interna in merito alle denunce di numerose infezioni e turni massacranti fra i sanitari. Il che ha suscitato la reazione di Alessandro Bisato, segretario regionale del Pd: “Siamo al bavaglio”. A Montebelluna le denunce di medici e infermieri su fatto che non ci sia più posto per accogliere i pazienti. A Treviso l’Uls ha respinto sdegnosamente le accuse di chi sostiene che i malati vengono rimandati a casa senza essere curati.

Di fronte a questo scenario, secondo gli esperti potrebbe essere inevitabile una zona rossa. Andrea Crisanti, direttore della microbiologia a Padova e docente universitario, pur non riferendosi alla gestione sanitaria in Veneto è stato molto esplicito: “Posso dirlo? Lo avevo previsto che un lockdown a Natale sarebbe servito. Io penso che la zona rossa funzioni e lo abbiamo visto. In Lombardia ha funzionato. Quello che non ha funzionato sono le zone gialle”. E quindi anche il mantenimento di limiti più blandi in Veneto. Poi ha aggiunto: “La gente è stressata e c’è il problema che quando non vede risultati significativi finisce col dire: ‘Qualsiasi cosa facciamo non cambia nulla. Tanto vale…’”. Ma ha invocato: “Qui ci vuole un governo che tiri fuori l’autorità che gli è conferita. Guardiamo alla Germania: lì la Merkel non ha avuto esitazioni”. Insomma, “piuttosto che riaprire per Natale, penso che la situazione sia tale da dover consigliare l’opposto: approfittare delle ferie di fine anno per chiudere tutto in quelle due settimane e cercare di fermare il contagio”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Verona, “all’ospedale di Borgo Trento non c’è posto, c’è chi è morto in corridoio”: lo sfogo di un operatore. La direzione prende le distanze

next
Articolo Successivo

“Se qualcuno muore pazienza”, per Toti quella di Guzzini è “una battuta infelice” e Acquaroli lo difende. Boccia: “Frasi che fanno male”

next