Una terza valigia contenente resti umani è stata ritrovata a Firenze, vicino al carcere di Sollicciano. Ad individuarla sono stati i carabinieri nel corso di un nuovo sopralluogo nello stesso campo in periferia dove nei giorni scorsi sono state rinvenute le prime due. Al loro interno c’erano parti del cadavere di un uomo. In base alla prima ispezione effettuata stasera dal medico legale, però, i resti di questo terzo bagaglio appartengono a una donna.

Il rinvenimento è avvenuto in un terreno agricolo a distanza di circa 100 metri in direzione di Pisa, alla base della sopraelevata della superstrada Fi-Pi-Li, tra la medesima arteria stradale e la recinzione perimetrale posteriore del carcere di Sollicciano. La prima valigia è stata trovata casualmente da un pensionato il 10 dicembre, mentre la seconda il giorno successivo, 11 dicembre, durante un controllo dei carabinieri. Sul caso indaga già per omicidio la Procura diretta dal procuratore capo Giuseppe Creazzo. Intanto martedì mattina verso le nove riprenderanno le ricerche nello stesso campo. Impegnate anche i cani per la ricerca di cadaveri in arrivo dal nucleo cinofili di Bologna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Madre e figlio trovati morti nei locali di una parrocchia di Velletri (Roma)

next
Articolo Successivo

Firenze, cani molecolari al lavoro sul luogo in cui sono state trovate le tre valigie con resti umani: si cerca un quarto trolley

next