Corruzione, truffa ai danni dello Stato e falso in atto pubblico. Sono queste le ipotesi di reato a carico di 4 persone coinvolte nei lavori di completamento del palazzetto dello sport di Gravellona Toce, nel Verbano Cusio Ossola, e finite ora agli arresti domiciliari. L’indagine è stata condotta dalla Guardia di Finanza di Torino e della procura di Verbania e ha portato anche al sequestro di denaro e beni per 140 mila euro. Al centro dell’inchiesta c’è l’appalto pubblico del valore di 2,8 milioni di euro per l’impianto sportivo di Gravellona Toce: le quattro persone arrestate sono i due referenti della società aggiudicataria dell’appalto e i due incaricati della direzione dei lavori dal Comune, estraneo alla vicenda.

Dalle indagini è emerso che i responsabili della direzione dei lavori, in qualità di pubblici ufficiali e all’insaputa del Comune di Gravellona Toce, si sono adoperati per far conseguire indebiti e illeciti margini di profitto all’impresa aggiudicataria dell’appalto: è emersa, infatti, la commistione di interessi tra i 2 referenti della società torinese aggiudicataria dell’appalto e i 2 soggetti incaricati dal Comune della direzione dei lavori. Nel corso delle investigazioni, durate oltre un anno, le Fiamme Gialle hanno monitorato anche lo scambio di 2.500 euro in contanti tra l’imprenditore e il direttore dei lavori, somme sottoposte a sequestro e che rappresenterebbero una parte del prezzo della corruzione.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ferrari, Louis Carey Camilleri si dimette da amministratore delegato. John Elkann assume la carica ad interim

next
Articolo Successivo

De Longhi, bonus straordinario di fine anno per i suoi 10.500 dipendenti: 11 milioni di euro nelle buste paga

next