Nel giorno in cui quattro deputati M5s hanno deciso di ufficializzare il passaggio al Misto in polemica con il voto sulla riforma del Mes, due colleghi ex M5s hanno invece annunciato l’adesione al Partito democratico. Si tratta di due deputati pugliesi, entrambi alla prima legislatura: Paolo Lattanzio e Michele Nitti.

E per loro il messaggio di benvenuto è arrivato direttamente dal capogruppo dem Graziano Delrio: “Siamo molto lieti dell’adesione dei colleghi”, ha detto, “con i quali in questi anni abbiamo collaborato proficuamente apprezzandone competenza, impegno e capacità di dialogo con quei mondi della cultura e della società che particolarmente oggi soffrono a causa della pandemia. Il loro contributo rafforzerà l’iniziativa dei democratici in una fase in cui siamo impegnati a lavorare per portare il Paese fuori dalla spaventosa crisi causata dal Covid 19 e costruire le condizioni per una ripresa che sia equa, solida, sostenibile”.

Lattanzio aveva lasciato i 5 stelle il 7 agosto scorso e tra i motivi che lo avevano spinto allo strappo c’era stata la mancata alleanza con il Pd per le Regionali in Puglia. Mentre l’addio di Nitti, direttore d’orchestra e alla prima legislatura in Parlamento, risale a gennaio scorso: tra i motivi di rottura con il M5s per Nitti c’erano le mancate rendicontazioni e il rifiuto di tagliarsi l’indennità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spostamenti tra comuni a Natale e Capodanno, governo valuta di allentare il divieto. Speranza: “Per me resta la linea della massima prudenza”

next
Articolo Successivo

Recovery fund, il messaggio di Zingaretti a Renzi e Conte: “Possiamo cambiare l’Italia. Irresponsabile dare spazio a incomprensioni”

next