Permettevano ai migranti di raggiungere il Nord Europa dal Medio Oriente, attraverso la rotta che dalla Turchia e dalla Grecia passa anche per l’Italia. La polizia ha eseguito un provvedimento di fermo nei confronti di 19 persone, ritenute responsabili di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Per gli inquirenti si tratta di cartello di facilitatori, anello di congiunzione con gruppi criminali attivi all’estero. Le operazioni dei poliziotti, guidate dalla Procura distrettuale Antimafia di Catania, hanno coinvolto le città di Bari, Milano, Torino e Ventimiglia.

L’inchiesta ha scoperto che il gruppo attivo in Italia era in contatto con altri trafficanti in Turchia e Grecia,. Questi ultimi, a loro volta, agevolavano i migranti nel percorso verso Francia e Europa attraverso la rotta orientale che passa per l’Afghanistan, il Pakistan, l’Iran, la Turchia, la Grecia e l’Italia.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carcere, non bastano i numeri. Per farsi un’idea serve vedere con i propri occhi

next
Articolo Successivo

Milano, la protesta dei giudici onorari: “Condizioni economiche e di lavoro inaccettabili. Solidarietà ai colleghi siciliani autosospesi”

next