È stato arrestato e rimarrà in carcere fino a quando non inizierà il processo ad aprile. A finire in manette a Hong Kong, dopo Joshua Wong condannato ieri a 13 mesi e mezzo di carcere insieme ad altri attivisti (foto), è il magnate dei media Jimmy Lai, 73 anni, proprietario del tabloid Apple Daily, schierato a favore delle riforme democratiche. Gli è stata negata la libertà su cauzione sul “rischio di fuga” ed è accusato di frode, ultimo dei procedimenti penali contro gli attivisti critici verso Pechino. Ad agosto, Lai fu arrestato per la presunta “collaborazione con forze straniere” e per l’organizzazione di proteste antigovernative. La legge sulla sicurezza nazionale, combinata alla pandemia del Covid-19 (alla base del rinvio delle elezioni politiche da settembre 2020 a settembre 2021), ha neutralizzato le proteste, malgrado la polizia abbia detto che bombe molotov sono state lanciate martedì contro un club sportivo e ricreativo per ufficiali a Kowloon.

Da ieri si trova in carcere anche Joshua Wong, condannato dopo essersi dichiarato colpevole delle accuse mossegli sul ruolo svolto nelle proteste per le riforme democratiche che nel 2019 misero a soqquadro l’ex colonia britannica. Ventiquattro anni, tra i più noti attivisti impegnati in prima linea, Wong è stato così riconosciuto responsabile di “incitamento, organizzazione e partecipazione alla manifestazione illegale” del 21 giugno del 2019 che portò a circondare il quartier generale della polizia di Wan Chai in risposta alla repressione da parte delle forze dell’ordine dei dimostranti scesi in piazza per protestare contro la legge sulle estradizioni in Cina.

Con lui anche Agnes Chow, 23 anni, e Ivan Lam, 26 anni – due ex leader con Wong del gruppo politico Demosisto sciolto a fine giugno in vista dell’entrata in vigore della legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino – sono stati condannati rispettivamente a 10 e 7 mesi di detenzione. “Gli imputati hanno invitato i manifestanti ad assediare il quartier generale e hanno cantato slogan che minano le forze di polizia”, ha scandito il giudice della West Kowloon Magistrates Court, Wong Sze-lai, illustrando il dispositivo della sentenza. “La reclusione immediata è l’unica opzione appropriata”, ha poi aggiunto, sottolineando “la necessità di deterrenza e punizione”.

Le condanne, che hanno provocato proteste da parte dell’Occidente, sono maturate sullo sfondo di un giro di vite nell’ex colonia britannica imposto da Pechino dopo la legge sulla sicurezza nazionale. Le accuse contro Wong, Chow e Lam si riferivano a fatti accaduti prima dell’entrata in vigore della legge contestata, ma la formulazione vaga del testo e la sua ampia portata hanno eroso l’alto grado di autonomia concesso ai territori dopo la restituzione della città dalla Gran Bretagna alla Cina nel 1997.

Quattro deputati pro-democrazia del parlamentino locale sono stati cacciati da Pechino perché non patriottici, causando le dimissioni di solidarietà di tutti gli altri 15 colleghi pandemocratici. Provvedimenti sono stati presi anche contro gli insegnanti per aver discusso di argomenti delicati nelle scuole, mentre dalle librerie sono scomparsi testi considerati scomodi.

“I giorni a venire saranno duri ma resteremo lì, non molleremo”, ha commentato Wong mentre veniva portato via dall’aula. “Non è la fine della lotta”, è il messaggio che ha voluto poi veicolare tramite i suoi legali. Jonathan Man, uno degli avvocati, ha spiegato che gli attivisti speravano in pene più lievi perché non erano stati coinvolti nelle violenze. Questa volta però le sanzioni pecuniarie o l’affidamento ai servizi alla comunità non sono state applicati a conferma di un clima diverso con Pechino che, secondo gli osservatori, sembra intenzionata a stroncare con la forza il dissenso nell’ex colonia.

Chow aveva già annunciato che avrebbe presentato appello alla sentenza, mentre Wong e Lam stavano valutando se seguirla.
Dominic Raab, ministro degli Esteri britannico, ha criticato la sentenza e ha invitato “le autorità di Hong Kong e Pechino a porre fine alla loro campagna per soffocare l’opposizione”. Toni di condanna anche da Berlino e da diversi parlamentari italiani.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Algeria sospesa, strangolata dalla crisi e senza presidente. Così avanzano il caos e il bavaglio per gli oppositori

next
Articolo Successivo

Usa, 2.880 morti in un solo giorno: mai così tanti. “Obama, Bush e Clinton si vaccineranno in diretta”

next