Vi sarà capitato sicuramente di osservare il caos di macchine davanti alle scuole in corrispondenza degli orari di entrata e uscita degli alunni. Un caos che si ripete 6 giorni su 7 della settimana per tutto l’anno scolastico e che, oltre ad essere diseducativo per i ragazzi, genera ingorghi della circolazione in tutta la rete stradale adiacente, alti livelli di smog e incidenti a ciclisti e pedoni, anche gravi.

Le statistiche del Dipartimento dei trasporti inglesi rivelano che nel 2018 il 14% dei decessi di bambini causati da incidenti stradali in Gran Bretagna ricadeva nella fascia oraria di ingresso a scuola (ore 7.00-9.00) e il 23% in quella di uscita (ore 15.00-17.00).

Ma quella che si verifica ogni mattina davanti alle scuole non è una condizione irreversibile. In Emilia-Romagna, grazie ad una risoluzione del gruppo Europa Verde che è stata approvata dall’Assemblea Legislativa, sperimenteremo le “school street”, sulla base delle migliori pratiche in atto in svariati Paesi del Nord Europa. Si tratta di strade o piazzali in prossimità di una scuola, in cui è – temporaneamente durante gli orari di entrata e uscita da scuola, o permanentemente – interdetto il traffico degli autoveicoli in modo che tutti possano raggiungere la scuola in sicurezza a piedi o in bicicletta.

La percorrenza è consentita infatti solo a pedoni, bici, mezzi per il trasporto dei disabili ed eventualmente scuolabus. Questi progetti, inoltre, contribuiscono a promuovere l’autonomia dei bambini dai genitori-accompagnatori e i processi di socializzazione tramite la diffusione di modalità di spostamento attive, come l’andare in bici o il camminare, sensibilizzando anche gli adulti all’uso di modalità di trasporto sostenibili.

Come si sta già facendo, ad esempio, con i cosiddetti pedibus, ossia gruppi di bambini accompagnati da un adulto che vanno a scuola insieme a piedi seguendo percorsi prefissati e contrassegnati da fermate dove si raccolgono in attesa del passaggio del pedibus; e con i bicibus, un sistema analogo in base al quale si va a scuola in gruppo in bicicletta. Anche in Italia, negli ultimi anni sono state promosse iniziative di school streets da parte di diverse associazioni (ambientaliste, ciclistiche, di genitori e di pediatri), tra cui le più note sono la campagna “Strade Scolastiche” e la petizione “School streets: le strade ai bambini!”.

Con l’approvazione della mia risoluzione, la Regione Emilia-Romagna ha fatto un ulteriore passo in avanti per incentivare la mobilità sostenibile e migliorare la qualità dell’aria, coerentemente con i piani di riduzione delle emissioni che la stessa regione si è data. Il prossimo passo sarà mettere a disposizione dei Comuni i fondi per attuare le modifiche strutturali e segnaletiche necessarie per la realizzazione delle strade scolastiche a partire dal Bilancio 2021.

School street: un altro piccolo tassello della svolta verde della Regione Emilia-Romagna.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’alluvione di Bitti mette in luce due nodi della fragilità idrogeologica nostra e europea

next
Articolo Successivo

“L’Italia recepisca direttive sulle rinnovabili: avremmo il 30% dell’incremento di energia verde dalle Energy Community”: lo studio

next