Fate schifo, fate schifo”. E poi il coro dai banchi della Lega, ‘vergogna, buffoni”. Così il leghista Paolo Paternoster si è rivolto in Aula alla Camera ai parlamentari di M5s, durante l’esposizione degli ordini del giorno sul Decreto sicurezza e immigrazione, dopo l’approvazione della fiducia. Il deputato è stato così ripreso dal vicepresidente di turno, Fabio Rampelli: “In questa Aula non èp consentito insultare”. “Allora fate pena, non schifo, ma pena. Al vostro posto mi alzerei la mattina e mi sputerei”, ha insistito Paternoster, nonostante i richiami di Rampelli. “Prendo atto che non ha recepito le indicazioni della presidenza”, ha concluso il vicepresidente, tra le urla e gli applausi proveniente dai banchi leghisti

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Natale, la bozza Ue: “Valutare divieto messe”. La proposta delle Regioni in vista del Dpcm: sì agli spostamenti tra zone dello stesso colore

next
Articolo Successivo

Folla per lo shopping, Variati (Viminale): “Sindaci e Regioni possono già intervenire. Gesti irresponsabili possono pesare sul nuovo Dpcm”

next