Sono stati assegnati anche quest’anno i Diversity Media Awards, gli “Oscar dell’inclusione” che premiano i contenuti, i prodotti mediali e i personaggi che si sono distinti per una rappresentazione valorizzante e inclusiva della diversità. I vincitori e le vincitrici di questa quinta edizione “#Stay different” sono stati proclamati domenica sera, nel corso di una serata evento trasmessa in diretta streaming anche su Ilfatto.it, e ricca di ospiti: da J-AX a Emma Marrone (eletta personaggio dell’anno), da Tiziano Ferro a Heather Parisi. Nella categoria “Miglior articolo stampa-Quotidiani” ha vinto Il Fatto quotidiano, per l’articolo di Maddalena Oliva “Io, survivor dell’esercito dei morti invisibili” sulla strage silenziosa dei suicidi, e pubblicato su Sherlock, l’inserto investigativo del giornale.

L’iniziativa prende vita dal “Diversity Media Report” realizzato dalla no-profit Diversity che dal 2016 ogni anno analizza i comportamenti dei media sui questi temi. «Nei media oggi più che mai è essenziale saper rappresentare e dar voce a tutte le persone per ridurre le distanze e i pregiudizi – spiega Francesca Vecchioni, fondatrice e presidente di Diversity – e finché l’informazione sarà al carro solo dell’agenda politica e della cronaca, non sarà in grado di restituirci l’immagine reale della società”. I Diversity Media Awards sono realizzati con il Patrocinio del Comune di Milano e della Commissione Europea, con il sostegno del Comitato Interministeriale per i Diritti Umani

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Scozia assorbenti gratis. Non vogliamo i nostri politici in kilt ma un po’ di giustizia sì

next
Articolo Successivo

Divorzio, 50 anni fa la legge che diede il via libera. “Gli anni ’70 stagione effervescente per l’avanzamento dei diritti civili”

next