La sveglia è suonata alle sei del mattino per i primi clienti dell’attesissimo punto vendita Primark che arriva ufficialmente a Roma in concomitanza con il Black Friday. Nel primo giorno di apertura del nuovo centro commerciale Maximo di via Laurentina è la catena di abbigliamento low cost a prendersi la scena.
“Lo attendevamo da tanto”, è il commento di chi è riuscito ad accaparrarsi le prime posizioni di quella che in poche ore si è trasformata in una lunghissima fila. Centinaia le persone in coda sorvegliate per il rischio assembramenti dal personale della galleria commerciale e dagli addetti del punto vendita. A pochi minuti dall’apertura gli ultimi arrivati hanno dovuto attendere il loro turno nell’area food, da lì il punto vendita è talmente lontano da non essere neanche visibile.
“Abbiamo adottato tutte le disposizioni per prevenire il contagio da Covid-19”, fa sapere Alessandro Allegri, direttore dello shopping center Maximo. “In tal senso è stata fatta una collaborazione molto stretta con il punto vendita Primark, affinchè le fila agli ingressi fossero nel rispetto dei protocolli». Ma se la lunga coda è risultata ordinata è all’interno del negozio che si è assistito a qualche momento di calca, soprattutto nel reparto del Natale. “Un po’ di assembramento c’era” ammette una cliente dopo essere uscita dal megastore.
Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino antinfluenzale, l’assessore lombardo Gallera: “Esteso ai ragazzini fino a 10 anni”

next
Articolo Successivo

“Violentò una ragazza conosciuta sui social”: arrestato un 21enne nella Bergamasca

next