“Il vaccino spray antinfluenzale potrà essere utilizzato in un’unica somministrazione e sarà esteso ai ragazzi fino a 10 anni”. L’assessore regionale al Welfare lombardo, Giulio Gallera, spiega che “la decisione scaturisce dal parere favorevole formulato ieri dal ministero della Salute e dall’Agenzia Italiana del Farmaco” su specifica richiesta della Lombardia, unica Regione in Italia ad aver avviato da quest’anno la vaccinazione in spray per i bambini dai due ai sei anni.

Il vaccino Fluenz Tetra spray è stato acquistato dalla Regione, riservandolo ai bambini di età compresa fra i 2 e i 6 anni. Proprio ieri, su specifica richiesta di Regione Lombardia, il ministero della Salute ha precisato che “Aifa considera adeguata la protezione fornita già dalla prima dose di vaccino, per cui ritiene che si potrebbe somministrare una singola dose in bambini mai vaccinati contro l’influenza. In analogia a quanto già in atto in alcuni Paesi (…) tale strategia consentirebbe di raddoppiare l’offerta vaccinale con le dosi materialmente disponibili e ottimizzare la campagna vaccinale in corso di emergenza Covid-19, e pertanto condivisibile dal punto di vista della sanità pubblica” trasmettendo contestualmente parere espresso da Aifa. “Si tratta di una opportunità davvero importante – aggiunge Gallera – che permette di estendere la platea delle vaccinazioni ai più giovani attraverso questo vaccino ritenuto molto innovativo”. Le dosi di Fluenz Tetra spray acquistate da Regione Lombardia ammontano a 504.000 unità. “Per le dosi eventualmente eccedenti dopo questa prima estensione dell’offerta, a partire dal 7 dicembre – conclude l’assessore – sarà possibile per Asst e pediatri di famiglia offrire il vaccino gratuitamente anche ai ragazzi fino ai 18 anni e fino all’esaurimento delle scorte“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, in Veneto i decessi in terapia intensiva sono il 14% del totale. Il primario: “Ecco perché si muore soprattutto nei reparti”

next
Articolo Successivo

Primark apre a Roma nel giorno del Black Friday. Lunghe code dall’alba e assembramenti all’interno: “Lo aspettavamo da tanto” – Video

next