“Più della metà dei casi di pazienti Covid hanno disturbi cognitivi, e questi restano nel 30% dei pazienti a distanza di due mesi” anche se “i veri dati li avremo fra sei mesi”. È questo uno dei rischi della malattia del Covid-19 secondo il dottor Sandro Iannaccone, primario del reparto di Riabilitazione Disturbi Neurologici Cognitivi-Motori all’Ospedale San Raffaele di Milano. Di fatto, spiega, molte delle persone affette da coronavirus, vanno poi incontro alla cosiddetta “nebbia cognitiva” e cioè “un disturbo soggettivo di memoria e di concentrazione”. Secondo l’esperienza diretta di Iannaccone e dei suoi colleghi, però, “non è una conseguenza diretta del virus”, ma piuttosto “di una mancata ossigenazione del cervello“. Ma non solo, ad incidere anche “i farmaci e i cambiamenti di abitudini, come ad esempio per i pazienti che sono stati in terapia intensiva dove si perde la cognizione giorno-notte”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati: 822 morti. I nuovi contagi sono 29mila con 232.711 test, calo dei ricoveri

next