“La decisione se permettere o no l’attività sciistica è di competenza nazionale, non europea”, così Stefan de Keersmaecker il portavoce della Commissione europea a proposito dell’apertura degli impianti e di una decisione al livello europeo da applicare a tutti gli Stati membri. “Ma è importante ricordare che allentare le misure troppo presto può portare a una recrudescenza del virus – ha continuato – Questa è una delle ragioni per cui ad aprile a livello europeo è stata concordata una roadmap con varie raccomandazioni per assicurare un attento allentamento delle misure”. Come lui, anche il portavoce capo della Commissione, Eric Mamer, durante un briefing online con la stampa a Bruxelles ha ribadito che “le decisioni sulla riapertura” non spettano all’Unione europea.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Mes e la riforma che non serve a niente. Jaques Delors Centre: “Il fondo dev’essere completamente ripensato”

next
Articolo Successivo

L’Ue inserisce i progetti sul gas tra quelli d’interesse comunitario. Bocciatura del Mediatore europeo

next