Vi presentiamo il conto” è questo il motto con cui attiviste e attivisti di “Non una di meno” sono scesi in piazza a Roma, in piazza Montecitorio, nella giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Indossando il classico fazzoletto rosa sopra alle mascherine, oppure con gli stessi dispositivi di protezione dipinti, le manifestanti hanno esposto diversi striscioni per denunciare la situazione italiana radicalmente “peggiorata durante il lockdown”. “Presentiamo il conto al governo per il prezzo pagato con il confinamento in casa, per l’enorme quota di lavoro di cura e assistenza gratuito, precario o malpagato su cui si regge la società e su cui in particolare si è gestita l’emergenza sanitaria”, spiegano dalla piazza. “I dati non smettono di crescere – continuano – e sono peggiorati durante il periodo di pandemia. Tra i tanti cartelli: “La nostra sicurezza è l’autonomia economica”, “le nostre vite valgono” e “Recovery Fund: la priorità siamo noi”.

Memoriale Coronavirus

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Al Pronto soccorso donne con lesioni e tanti segni di strozzamento. Il sanitario sceglie se vedere il maltrattamento o voltarsi dall’altra parte’

next