di Antonio Deiara

Noi diversamente giovani ragioniamo ancora con le lire, per cui 209 miliardi di euro di Recovery fund equivalgono a circa 400 mila miliardi del vecchio conio. In verità, quasi la metà della somma viene restituita ai Paesi membri dall’Europa “sperperona” (si pensi alla doppia sede di Bruxelles e Strasburgo…). La scuola e la sanità devono avere la priorità assoluta nell’impiego del Recovery fund.

Per la prima si suggeriscono 80.000 docenti specializzati sul sostegno (e non 25mila, cara ministra Lucia Azzolina!), a partire dai 20.000 subito disponibili, già selezionati, preparati e titolati. Entriamo poi nel campo della nuova “Funzione Docente”: 36 ore settimanali di lavoro, con l’orario di cattedra invariato e le ferie uguali a quelle degli altri dipendenti pubblici; naturalmente con stipendi europei, cioè doppi rispetto a quelli attuali.

Stiamo parlando di circa 30 miliardi di euro, buona parte dei quali ricavati da una serie incredibile di risparmi: ore eccedenti, supplenze fino ai quindici giorni, incarichi fiduciari assegnati dai presidi, figure strumentali, corsi di aggiornamento inutili e costosi, prove Invalsi altrettanto inutili e pari a 18 milioni di euro di spreco ogni anno, utilizzo a costo zero dei concorsi a cattedra per titoli e servizi (naturalmente con l’implementazione degli Ispettori Scolastici, reclutati tra i docenti anziani dei diversi ambiti disciplinari, e dotati del potere di licenziare in tronco i professori pelandroni e quelli ignoranti), etc. Il resto andrebbe fornito dal Recovery fund.

È un’occasione unica. Se non ora, quando? I fondi europei sarebbero sufficienti anche per cancellare, finalmente, le “classi pollaio” e restituire le Autonomie scolastiche alle Scuole con più di 500 alunni (300 per comuni montani, piccole isole e aree geografiche abitate da minoranze linguistiche), cancellando in tal modo la vergogna della sedicente riforma Gelmini varata dal Governo Berlusconi nel 2008-2009 e della “lacrimosa” Finanziaria dell’”Uomo della Provvidenza europea”, Mario Monti, del 2012.

Infine, inserimento stabile di professoresse e professori abilitati in lingue straniere, arte, musica, scienze motorie, tecnologia e informatica, in tutte le classi della Scuola Elementare.

Certo, si potrebbe fare a meno di tutto questo. La Scuola assurgerebbe al ruolo di baby-parking, e l’Italia perderebbe il patrimonio culturale accumulato in secoli e secoli di Storia. Insomma, vincerebbero i nuovi barbari! Un vecchio adagio popolare insegna che si scopre il valore delle cose quando non si hanno più a disposizione. Come sta accadendo per la sanità e la scuola Pubblica al tempo del Covid-19.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Azzolina: “Non si possono avere le strade affollate e le scuole chiuse”. Il governo pronto alla riapertura graduale prima di Natale

next
Articolo Successivo

Prove Invalsi 2021, confermate nonostante la didattica a distanza: valuteranno anche gli effetti del pandemia sull’insegnamento

next