Dal rapporto Gender equality index arrivano buone notizie, ma anche qualche pessima conferma: in Italia il gap tra uomini e donne va combattuto prima di tutto sul luogo di lavoro. A sottolinearlo è l‘Osservatorio sulle mamme che lavorano, newsletter che nasce dal progetto Donne e futuro e che commenta i dati appena pubblicati dall’Istituto europeo per l’uguaglianza di genere (Eige). Dal rapporto emerge che nel nostro Paese le donne hanno un tasso di occupazione inferiore a quello degli uomini: i contratti a tempo indeterminato per le donne si attestano al 31% del totale, mentre per gli uomini al 51,4%. Inoltre, guadagnano meno e sul luogo di lavoro scontano quella che viene definita “segregazione occupazionale”, essendo distribuite in maniera non uniforme tra le varie professioni.

Come riporta l’Osservatorio, circa il 30% di tutte le lavoratrici sono occupate nell’istruzione, nella sanità e nel sociale, rispetto all’8% degli uomini. Mentre altri settori dominati da questi ultimi, basti pensare che solo il 17% degli specialisti in tecnologie dell’informazione e delle telecomunicazioni è donna. Ma è nelle coppie con figli che il divario lavorativo di genere si acutizza: le mamme sono infatti limitate sia nelle scelte di vita sia in quelle per l’istruzione. La maggior parte è “intrappolata in lavori di bassa qualità”, riporta l’Osservatorio, che sottolinea anche come la “segregazione di genere” sia “peggiorata durante la crisi generata dal Covid-19”, dato che è diventata sempre più alta “la domanda di operatori sanitari”.

Nel complesso, con 63,5 punti su 100, l’Italia è al 14esimo posto nell’Ue nell’indice sull’uguaglianza di genere. Ma, nota l’Osservatorio, il nostro Paese sta progredendo verso l’uguaglianza di genere a un ritmo più rapido rispetto ad altri Stati membri. La sua classifica, infatti, è migliorata di otto posizioni dal 2010. Tuttavia sono ancora presenti disuguaglianze di genere importanti nell’area della rappresentanza politica (48,8 punti), della disponibilità di tempo (59,3 punti) e in attori di conoscenza (61,9 punti). “In Italia – conclude l’Osservatorio presieduto dall’avvocata Cristina Rossello – con un tasso di miglioramento registrato dal 2010 al 2018 (0,7%) raggiungere una piena parità di genere nella segregazione e qualità del lavoro senza interventi di rilievo impiegherebbe 477 anni”. “Si deve quindi andare in questa direzione in ambito legislativo e regolatorio in maniera decisa poiché è ormai chiaro che le dinamiche di mercato nel nostro Paese sono insufficienti”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Patrick Zaki, l’appello di Amnesty: “Detenzione preventiva serve per farlo dimenticare al mondo, sia scarcerato entro il capodanno copto”

next
Articolo Successivo

Con il Codice rosso aperte 4mila nuove indagini per violenza di genere in un anno. Mille inchieste sono sul Revenge porn

next