Il relitto dei migranti che nessuno vuole. Ai tempi del governo Renzi era diventato il simbolo delle tragedie in mare, al largo di Lampedusa, dopo che nel 2015 si era inabissato con a bordo più di 700 persone. Riportato in superficie, con i corpi delle vittime, è stato usato come opera d’arte da esporre alla Biennale di Venezia nel 2019. E da allora è rimasto lì, senza che nessuno decidesse di dargli una collocazione definitiva. Ora la Biennale si è rivolta alla magistratura veneziana per chiederne la rimozione, anche perché – Covid permettedo – si annuncia nel 2021 una nuova edizione dell’esposizione. E quindi l’ente culturale veneziano ha bisogno dello spazio. Ma a chi appartiene quella che venne chiamata Barca Nostra? O per lo meno, chi ne è responsabile? L’artista svizzero Christoph Büchel che ne curò l’esposizione o il Comune di Augusta in Sicilia che ne è affidatario? La Biennale è passata alle vie di fatto. E ha spiegato: “Dalla fine di novembre 2019 abbiamo più volte sollecitato l’artista e la Galleria che lo rappresenta, Hauser & Wirth, al rispetto degli impegni presi in merito alla restituzione dell’opera al legittimo proprietario, la Città di Augusta. L’opera era stata concessa all’artista in comodato d’uso per essere esposta alla Biennale Arte 2019”.

L’affondamento era avvenuto davanti alle coste libiche. Fu un caso internazionale, che divise le nazioni e suscitò feroci polemiche, scuotendo l’opinione pubblica. Praticamente la barca di 50 tonnellate, che abitualmente ospitava una ventina di persone di equipaggio e poteva trasportare una quarantina di persone, si trasformò in una bara per le centinaia di migranti che si trovavano stipati all’inverosimile. Il tentativo di salvataggio da parte di un mercantile non ebbe successo, anzi provocò una collisione. Si salvarono solo 28 persone. L’imbarcazione finì sul fondale, a 370 metri di profondità, e sembrava che lì sarebbe rimasta per sempre. Invece il governo Renzi decise il recupero, costato una decina di milioni di euro, anche per sottoporre all’esame del Dna i corpi. Ma l’operazione si rivelò in buona parte inutile, il troppo tempo sott’acqua rendeva impossibile dare una identità alle persone che erano morte tragicamente. Anche per questo esponenti del centrodestra, come Carlo Giovanardi e Maurizio Gasparri, attaccarono la decisione di Renzi, accusandolo di “propaganda buonista”.

Il relitto rimase in custodia nella base Nato di Melilli, vicino ad Augusta, finchè Christoph Büchel lo fece trasportare alla Biennale dove fu esposto con il titolo May you live in interesting times (“Possa tu vivere in tempi interessanti”). Un’opera di denuncia delle morti silenziose in Mediterraneo e dell’indifferenza degli Stati europei. Cosa fare ora di quel manufatto con la chiglia squarciata, alto 23 metri, che si trova su una banchina dell’Arsenale, sorretto da ponteggi in ferro? La Biennale non lo vuole. L’artista svizzero ha chiesto di usare la copertura assicurativa che tutela le opere d’arte esposte a Venezia, ma allo stesso tempo ha denunciato la ditta che lo trasportò per aver danneggiato l’imbarcazione. E quindi la causa dell’ente veneziano riguarda sia Büchel che il Comune di Augusta (che però non ha fondi per sostenere le spese di un nuovo trasporto in Sicilia).

Il governo italiano non è coinvolto nella vicenda, perché dopo il recupero dal fondo del mare (effettuato dalla ditta Fagioli e dalla Marina Militare), Barca Nostra fu piazzata in un’area di Augusta, in attesa di decidere cosa farne. Cgil, Legambiente e alcuni parroci proposero di farne un monumento alle vittime della migrazione dall’Africa verso l’Europa, da realizzare nell’area dell’ex chiesa all’aperto di Monte Tauro. Altre idee riguardavano l’esposizione addirittura in piazza Duomo a Milano o a Bruxelles, davanti alla sede dell’Unione Europea.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crotone, si butta dall’elicottero per salvare una donna intrappolata nell’auto. Lo spettacolare intervento dei finanzieri dopo il nubifragio

next
Articolo Successivo

Tirrenia verso lo stop a quasi tutti i collegamenti con la Sardegna. Uil: “in arrivo centinaia di licenziamenti”

next