Tirrenia chiuderà dal primo dicembre prossimo tutti i collegamenti in convenzione con la Sardegna e annuncia centinaia di licenziamenti a causa della situazione di incertezza in merito alla proroga della Convenzione del servizio di continuità territoriale marittima. Lo annuncia la stessa compagnia marittima in una lettera firmata dall’amministratore delegato Massimo Mura. Genova-Olbia-Arbatax. Napoli-Cagliari. Cagliari-Palermo. Civitavecchia-Arbatax- Cagliari sono le tratte coinvolte dallo stop, a cui si aggiunge fuori dalla Sardegna è prevista anche la Termoli- isole Tremiti. “Interruzione derivante dalla situazione di incertezza in merito alla proroga della Convenzione, a tutt’oggi non formalizzata con la scrivente pur essendo normativamente prevista; la prosecuzione delle linee di seguito indicate in assenza di garanzie formali è, infatti, diventata insostenibile” scrive Tirrenia nella lettera.

“Ciò determinerà inoltre, ed inevitabilmente, la necessità immediata di riduzione del personale in forza alla scrivente con conseguente perdita di posti di lavoro, già stimata in alcune centinaia di unità fra personale navigante ed amministrativo, nonché un inevitabile impatto negativo sulla forza lavoro utilizzata localmente nei territori serviti sia in ambito portuale che nell’ambito dei servizi e, quindi, con prevedibile grave pregiudizio per l’economia delle isole servite”, si legge nella missiva.

Tirrenia sarebbe anche intenzionata ad avviare un’azione legale contro il Governo. “Rimangono salvi i diritti maturati dalla scrivente a ricevere il corrispettivo per i servizi di trasporto previsti dalla Convenzione ed eseguiti, come più volte comunicatovi, sino al 30 novembre 2020, diritti che faremo valere in tutte le sedi opportune”, scrive la compagnia marittima. Dal 2015 Tirrenia fa parte del gruppo di Vincenzo Onorato, a cui fa capo anche Moby, dispone di una flotta di 47 navi e da lavoro a 4mila persona, inclusi gli stagionali. La società naviga però da tempo in stato prefallimentare, oberato dai debiti. Ai 160 milioni di prestiti ricevuti dalle banche si aggiungono i 295 milioni di un’obbligazione e i 39 milioni dovuti ai fornitori. Onorato deve inoltre ancora 180 milioni di euro allo Stato per l’acquisto della stessa Tirrenia. Per le tratte in convenzione, spesso operate con le navi più vecchie della flotta, Tirrenia riceve ogni anno dallo Stato più di 70 milioni di euro ma ora la convenzione è scaduta. Lo scorso 9 novembre la compagnia aveva cancellato la tratta Cagliari-Civitavecchia nel tentativo di forzare la mano sul tema dei trasferimenti per le rotte in continuità.

William Zonca, segretario generale della Uiltrasporti Sardegna, annuncia la mobilitazione e chiede un intervento del ministero dei Trasporti e della Regione Sardegna. “Non possiamo permetterci un’ ulteriore riduzione dei collegamenti perché è a rischio l’economia di un intero territorio”, sottolinea Zonca che parla di circa 500 marittimi che rischiano il posto. “La notizia che il gruppo di Onorato Moby Cin Tirrenia potesse interrompere tutte le tratte non remunerative era nell’aria. Già da tempo il gruppo minacciò quello che adesso pare sia realtà. La questione però non può essere gestita e governata in questo modo”, afferma il segretario generale Filt Cgil Sardegna Arnaldo Boeddu. “La continuità territoriale deve essere garantita per tutti i cittadini sardi, tutti i giorni dell’anno. Non è una gentile concessione ma un diritto costituzionale spesso e volentieri mortificato da giochi sulla pelle dei normali cittadini”. Lo dice, esprimendo la propria preoccupazione il sindaco di Cagliari Paolo Truzzu.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Opera d’arte esposta alla Biennale di Venezia, ora relitto che nessuno vuole: braccio di ferro sulla barca della strage di migranti

next
Articolo Successivo

Supermercati Bennet a Milano non vendono carta igienica e assorbenti nel weekend: “Lo dice un’ordinanza del Prefetto”. Che smentisce

next