Nicola Morra non si dimette. E io lo difendo, perché dovrebbe? Su una cosa ha senz’altro ragione: gli italiani, come i calabresi, hanno fatto le loro scelte e adesso, sia gli italiani che i calabresi, si devono beccare la classe politica che hanno scelto. Incluso il presidente della Commissione antimafia che, come forte azione di contrasto alla ‘ndrangheta, sceglie la via dell’attacco diretto, dell’offesa e addirittura dell’abbandono (“nessuno ti deve aiutare”) rivolto a tutti i calabresi. Nessuno escluso.

Da più parti, anche dalla trincea pentastellata, si evidenzia il cattivo gusto di aver tirato in ballo la presidente eletta della Regione Calabria che è da poco scomparsa, ma dalle parole del presidente della Commissione antimafia emerge anche l’atteggiamento che da sempre la politica ha assunto nei confronti di questa terra: la lontananza, il distacco, il disinteresse, l’abbandono al suo destino. Ma Morra, diversamente da tutti gli altri, va dritto al punto, non finge, non semina speranza: “hai sbagliato, nessuno ti deve aiutare, perché sei grande e grosso”. Per poi concludere: “la Calabria è irrecuperabile fino a quando lo Stato non affronterà la situazione con piena consapevolezza”.

Ecco appunto, condivido appieno il pensiero, specie la chiosa sulla consapevolezza dello Stato. Ma ora che lo sappiamo, ora che è chiaro a tutti, che ce ne facciamo della commissione antimafia se dove c’è la mafia si decide di buttare la spugna?

Il grande pregio di questo maledetto virus consiste nel far venire a galla tutte le contraddizioni e le mancanze politiche e sociali accumulate nei decenni. Grazie al virus finalmente guardiamo negli occhi i nostri orrori, la svendita della sanità, la precarietà della scuola, i limiti dei nostri mezzi pubblici di trasporto e ovviamente anche la Calabria, con la sua corruzione, le sue strade sgangherate, i suoi disoccupati, le sue cosche.

È adesso, sotto quest’occhio di bue che per la prima volta la illumina, che lo Stato dovrebbe trovare modi e mezzi per intervenire. Non sarà l’ilarità dei commentatori razzisti o l’attacco frontale alla società civile da parte delle Istituzioni a sanare le ferite di questa terra. Attendiamo, come auspica il presidente della commissione antimafia, che lo Stato decida di affrontare la situazione con grande consapevolezza e ricordiamo a Morra che oggi lo Stato è lui.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nicola Morra: “Parole su Santelli? Mi scuso, massimo rispetto per chi vive la malattia. Ma l’elettorato è pienamente responsabile”

next
Articolo Successivo

De Luca ancora contro il governo: “Ho chiesto a Conte di intervenire sui suoi ministri sciacalli, non è cambiato niente”

next