L’unica giraffa bianca conosciuta al mondo vive in Kenya ed è stata dotata di un dispositivo di localizzazione Gps contro i bracconieri. Lo comunica l’associazione ambientalista Ishaqbini Hirola Community Conservancy, citata da Bbc Africa. L’associazione controlla la fauna selvatica della contea di Garissa, a nord-est del Kenya, e sostiene che grazie a questo dispositivo i ranger potrebbero seguire i movimenti della giraffa in tempo reale. L’animale, maschio, ha una rara condizione genetica chiamata leucismo, che causa la perdita della pigmentazione della pelle. Si pensa che sia l’ultimo della sua specie dopo che i bracconieri hanno ucciso una femmina e un cucciolo di sette mesi, ugualmente bianchi. Le loro carcasse sono state trovate in un’area protetta di Garissa, dove il maschio della giraffa vive attualmente da solo.

Il dispositivo di localizzazione sarebbe stato attaccato lo scorso 8 novembre a una delle corna della giraffa, afferma in una nota l’organizzazione, aggiungendo che esso fornirà aggiornamenti orari sulla posizione della giraffa, consentendo così ai ranger di tenere l’esemplare unico “al sicuro dai bracconieri”. Secondo l’Africa wildlife foundation, circa il 40 per cento delle giraffe è scomparso negli ultimi 30 anni, anche a causa del bracconaggio e del traffico di animali selvatici.

Foto: Hirola Conservation Program

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fukushima, scaricare l’acqua radioattiva nell’oceano è un’azione ingiustificabile: va fermata

next
Articolo Successivo

Emissioni, nei Paesi del G20 sono in lieve calo per la prima volta. Ma non basta: Italia terza per morti dovuti a eventi climatici estremi

next