Gino Strada non va bene per la Calabria. Sono stato in Africa e so le cose straordinarie che ha fatto, ma il problema della Calabria non sono gli ospedali da campo. Sono i buchi, le ruberie nelle Asp, l’acquisto dei materiali sanitari. C’è bisogno di un manager, non di un bravo medico“. Sono le parole pronunciate a “Otto e mezzo” dal capo procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, che aggiunge: “Non c’è bisogno nemmeno di ospedali da campo come se fossimo in Afghanistan: in Calabria ci sono 18 ospedali chiusi, meglio riaprire 3 o 4 di quelli”.

Gratteri spiega: “Credo che andrebbe bene come commissario alla Sanità un calabrese emigrato per fame e per bisogno. Uno che ha fatto concorsi al Nord perché al Sud non si è voluto piegare magari a concorsi controllati dalla massoneria deviata o dalla ‘ndrangheta. Penso a un professore universitario che lavora al Nord e che è figlio di contadini o di operai o di falegnami calabresi. Ho in mente un nome – conclude – ma è ovvio che non lo dico. Guardate che ci sono decine di calabresi, provenienti da paesini di 750-800 abitanti, che davvero sono partiti con la valigia di cartone e che oggi scrivono su riviste internazionali o che sono in commissioni internazionali per i protocolli mondiali dei farmaci per i tumori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Bersani su La7: “Non sarà un Natale come gli altri, usiamo il buon senso”. Sulle Regioni: “Dopo crisi, stop a elezione diretta presidenti”

next
Articolo Successivo

Ilaria Capua su La7: “Assembramenti per scarpe Lidl? Le persone si sono rese strumenti di catena di morte. Virus non guarda in faccia nessuno”

next