Sono oltre 100 i fermati finora a Berlino, nell’ambito delle proteste in corso contro le misure anti-covid. La polizia è intervenuta più volte con gli idranti per sciogliere il corteo, a causa del mancato rispetto delle regole sul distanziamento e l’uso della mascherina. La manifestazione è ancora in corso: la polizia, ha fatto sapere la portavoce, sta cercando di scioglierla, ma questo può avvenire soltanto procedendo “lentamente, e non in modo marziale”. La stessa portavoce ha segnalato che per strada, nella calca, ci sono anche molti bambini.

Le proteste a Berlino sono avvenute proprio mentre i deputati stavano discutendo la legge sulla protezione della Salute: il Bundestag tedesco ha varato ha varato il provvedimento in mattinata. La normativa, che ancora le misure anticovid all’ordinamento giuridico, ha ricevuto 415 voti favorevoli, 236 contrari mentre 8 sono state le astensioni. Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, ha reagito duramente alle accuse di alcuni dimostranti contrari alle restrizioni, che le hanno paragonate al Decreto dei pieni poteri del 1933 che consentì ai nazisti di approvare leggi senza approvazione parlamentare. “Chiunque, naturalmente, ha diritto di criticare le misure, la nostra democrazia fiorisce nello scambio di opinioni diverse. Ma chiunque relativizzi o banalizzi l’Olocausto non ha imparato nulla dalla nostra storia“, ha scritto Maas su Twitter.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Assembrati e senza mascherine: raduno contro le misure anti-Covid disperso con gli idranti dalla polizia di Berlino

next
Articolo Successivo

Svizzera, esauriti i posti standard in terapia intensiva: l’esercito ne mette a disposizione altri 224. L’80% del totale è occupato

next