I matrimoni tra persone dello stesso sesso entrano nella Costituzione del Nevada. A deciderlo sono stati i cittadini che il 3 novembre scorso, insieme alle presidenziali, hanno votato per abolire la dicitura secondo cui un matrimonio è solo fra una donna e un uomo. Una correzione storica che protegge i diritti delle nozze gay anche se la legge a livello federale dovesse cambiare. E si tratta anche della prima modifica costituzionale di questo tipo in tutti gli Stati Uniti d’America.

Rinomata a livello mondiale per i suoi matrimoni in abiti da cowboy, per un lungo periodo di tempo Las Vegas non ha potuto celebrare le nozze fra persone dello stesso sesso a causa del divieto imposto nel 2002. La svolta è poi arrivata con la decisione della Corte Suprema americana nel 2015. Ora con l’approvazione del referendum il Nevada segna definitivamente il cambio di passo: i matrimoni gay non solo possono essere celebrati ma sono tutelati dalla costituzione, stemperando così i timori della comunità Lgbtq che vede nella Corte Suprema a maggioranza conservatrice una delle maggiori minacce.

A votare a favore della modifica sono stati i due terzi dei residenti dello Stato, cioè circa il 62%: la modifica che un matrimonio avviene fra “coppie a prescindere dal loro sesso”, lasciando comunque a sacerdoti e preti la possibilità e la scelta di non celebrarli se contrari. Nonostante la Corte Suprema del 2015, all’Election Day del 2020 ancora 30 stati americani avevano nella loro costituzione clausole scritte contro le nozze gay. Il Nevada ora si sfila dal gruppo e si pone come avanguardia e apripista a livello nazionale, confermando così la sua vocazione democratica emersa negli ultimi anni.
Per tradizione uno swing state, lo stato dei casinò nelle ultime tornate elettorali ha teso la mano ai democratici e se nel 2016 seppur di misura ha sostenuto Hillary Clinton. Due settimane fa lo Stato si è espresso per Joe Biden e Kamala Harris alla Casa Bianca.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eddi Marcucci, la decisione è dei giudici d’appello ora. E dovrebbero renderla libera

next
Articolo Successivo

La premier scozzese annuncia il lockdown in 11 contee: “L’obiettivo è avere un impatto positivo prima di Natale”

next