Nel secondo trimestre del 2020, quello del lockdown, l’occupazione nell’Unione europea è calata “solo” del 2%. Ma l’impatto è stato molto più pesante (-10%) sui posti a bassa qualifica come gli addetti alle pulizie, i lavoratori domestici, i manovali e gli ambulanti: quelle che Eurostat definisce “elementary occupation”. Male anche l’andamento dell’occupazione nei servizi e nelle vendite (-8%), per gli operatori di fabbrica (-6%) e gli artigiani (-5%). Al contrario il numero di persone impiegate come “professionisti” è salito del 5% e sono lievemente aumentati anche i tecnici. I dati arrivano da Eurostat, che rileva anche come più dell’80% dei posti persi abbia riguardato contratti a termine, che nel secondo trimestre sono calati a 19,2 milioni in totale nella Ue per poi risalire a 21,5 e 22,2 milioni nei trimestri successivi, secondo l’Ufficio statistico dell’Unione europea.

L’occupazione giovanile “è stata particolarmente colpita”: tra ultimo trimestre del 2019 e secondo del 2020, la quota di contratti precari è calata dal 46,2 al 42,7% nella fascia 15-24 anni, mentre tra 20 e 64 la diminuzione è stata contenuta (dall’11,6 al 10,2%). I crolli maggiori si sono registrati nell’est Europa, in Grecia e a Malta. Il tasso di occupazione è sceso di 2,1 punti percentuali per i giovani tra 15 e 24 anni (dal 33,3% al 31,2%), di 1,2 punti per le persone tra 25 e 54 anni (dall’80,6% al 79,4%) e di 0,4 punti per la fascia tra 55 e 64 anni (dal 59,6% al 59,2%). Il numero degli occupati è sceso a 14,4 milioni per il gruppo 15-24, a 140,6 milioni per la fascia 25-54 e a 35,4 per i 55-64enni. Il tasso di occupazione dei più giovani è calato in tutti i Paesi, tranne che in Germania. I decrementi più forti si sono registrati in Slovenia, Irlanda, Spagna, Finlandia, Portogallo, Svezia ed Estonia (oltre -4 punti per tutti e sette), mentre i cali più ridotti si sono verificati in Croazia, Grecia e Italia (-1,3 punti in tutti e tre).

Eurostat ha fornito anche i dati sul terzo trimestre, quello del rimbalzo, quando il Pil come da anticipazioni di fine ottobre (riviste solo lievemente) è aumentato del 12,6% nell’Eurozona e dell’11,6% nell’Ue a 27 rispetto al trimestre precedente (gli aumenti più significativi osservati dall’inizio delle serie storiche) ma rispetto all’anno precedente è diminuito del 4,4% nell’area euro e del 4,3% nell’Ue a 27. Anche il numero di occupati ha recuperato aumentando dello 0,9% sia nell’area dell’euro che nell’Ue a 27.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ristori alle imprese, cassa integrazione e tasse cancellate o rinviate: la mappa degli aiuti per la seconda ondata nei grandi Paesi Ue

next
Articolo Successivo

In sciopero i 600mila lavoratori delle pulizie in scuole, ospedali e uffici: “Contratto scaduto da 7 anni, serve un aumento dignitoso”

next