Parte il 9 novembre il bonus fino a 500 euro per l’acquisto di Internet a banda ultralarga e un tablet o pc. Il voucher è destinato ai cittadini con Isee inferiore a 20.000 euro che possono da ora rivolgersi a uno degli operatori accreditati – da Tim a Vodafone e Wind – che hanno presentato offerte approvate da Infratel Italia. Non ai negozi di elettronica, che sono per questo sul piede di guerra e hanno fatto ricorso al Tar.

Il bonus consiste in uno sconto sul canone di abbonamento a servizi di connettività a banda ultralarga in caso di nuove attivazioni di utenze di rete fissa e nella fornitura di un personal computer o tablet. La distribuzione dei 500 euro varia in base all’offerta dell’operatore con dei limiti previsti dalla normativa: lo sconto sui servizi di connettività può valere tra 200 e 400 euro, mentre quello su personal computer o tablet può essere compreso tra 100 e 300 euro. I due canali viaggiano insieme: il contributo per l’acquisto di pc o tablet è infatti erogato solo nel caso di contestuale attivazione del servizio di connettività.

Il beneficiario dovrà interfacciarsi direttamente con l’operatore di telecomunicazioni che partecipa all’iniziativa, utilizzando i normali canali di vendita. Non sarà quindi necessaria alcuna registrazione sui siti gestiti da Infratel Italia. Con gli operatori bisognerà invece sottoscrivere un contratto di durata minima di 1 anno, autocertificando di avere un reddito Isee inferiore a 20.000 euro. La misura intende incentivare la fruizione di servizi a banda ultralarga su tutto il territorio nazionale. In Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Toscana, e su esplicita richiesta di queste regioni, la misura sarà però applicabile solo ad utenze localizzate in alcuni comuni. L’elenco è disponibile a questo link sul sito di Infratel.

“Quello di oggi è un primo passo: arriveranno nei prossimi mesi i voucher per imprese e famiglie con Isee fino a 5omila euro“, scrive in una nota il sottosegretario al Mise con delega alla Banda ultra larga Gian Paolo Manzella.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonus bici, martedì 3 novembre scatta il clic day: come chiedere il contributo fino a 500 euro e a chi spetta

next
Articolo Successivo

Superbonus 110%, professionisti alle prese con le polizze assicurative per tutelarsi dal rischio che a fine lavori il credito d’imposta non arrivi

next