Notte di festeggiamenti nella principali città degli Stati Uniti per la vittoria del presidente eletto Joe Biden su Donald Trump. I sostenitori del candidato democratico si sono riversati nelle strade dopo che la Cnn e le altre principali testate giornalistiche hanno dato il candidato democratico come vincitore, dopo aver conquistato la Pennsylvania e i 270 grandi elettori necessari.

A Washington, subito dopo l’annuncio una folla si è accalcata per le strade, dalla Casa Bianca alla Black Lives Matter Plaza, con persone sedute sulle auto e conducenti che alzavano i pugni fuori dal finestrino. Numerosi i cartelloni in piazza: “L’incubo è finito”, “Lo abbiamo afferrato per il voto”, “Sei stato licenziato”. A Philadelfia, città chiave per la vittoria di Biden in Pennsylvania, una grande folla si è radunata fuori dal municipio. “La città è di Biden!”, urlavano in coro. Il corteo si è mosso in direzione di Independence Hall, dove sono state firmate la Dichiarazione di Indipendenza e la Costituzione americana.

A New York, i cittadini si sono radunati fuori dal Trump International Hotel and Tower, intonando: “Niente più Trump!”. Anche Chicago molti si sono riuniti per festeggiare fuori dalla Trump Tower. Fuori dal quartier generale della campagna di Biden a Wilmington, in Delaware, gli elettori applaudivano, suonavano il clacson, e hanno cantato “God Bless America”.

La vittoria di Biden ha scatenato anche proteste. Per la maggior parte pacifiche, anche se in Georgia i manifestanti pro-Trump si sono fronteggiati con la polizia. Resta il timore che possano scoppiare rivolte se Trump continuerà a rifiutarsi di ammettere la sconfitta. In Georgia, i pro-Trump si sono riuniti ad Atlanta, sostenendo che la corsa non era ancora finita e denunciando brogli elettorali.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Usa 2020, siamo di fronte alla disintegrazione del sogno americano

next
Articolo Successivo

Elezioni Usa 2020, Trump non vuole invitare Biden alla Casa Bianca. Il marito di Ivanka al lavoro per fargli accettare la sconfitta

next