La Camera ha approvato con scrutinio segreto la legge per contrastare l’omotransfobia, la misoginia e le violenze contro le persone disabili. I sì sono stati 265, i no 193, gli astenuti 1. L’annuncio del primo via libera è stato accolto da un lungo applauso in piedi dei deputati della maggioranza: la legge passa ora in Senato. Si è spaccato il fronte del centrodestra: mentre Lega e Fratelli d’Italia hanno protestato tra cartelli con la scritta “Libertà” e finti bavagli, una parte degli azzurri ha deciso di sostenere la legge.

Dentro Forza Italia sono stati cinque i dissidenti che, in disaccordo con quanto deciso dal gruppo, hanno scelto di schierarsi a favore. Giusi Bartolozzi, che aveva presentato una proposta di legge poi confluita nel testo unificato del relatore Alessandro Zan, ha sottolineato che il testo della legge non potrà essere interpretato dai pm nel senso indicato dal centrodestra, cioè come un provvedimento che introduce un reato di opinione. “Annuncio con orgoglio il mio voto favorevole – ha concluso – riconosciamo la parità di tutti anche di chi ha un orientamento sessuale diverso”. A favore anche Renata Polverini: “Questa è una legge di libertà. Ho sempre combattuto per consolidare i diritti, da sindacalista, da presidente di Regione, da deputata. L’ho fatto la scorsa legislatura votando le unioni civili. Dedico questo mio voto alle ragazze e ai ragazzi che hanno sofferto per loro identità sessuale e lo dedico ai militanti di Fi che mi hanno contattato per dire che condividevano la mia posizione”. Così anche Elio Vito: “Voto con orgoglio questa legge in omaggio alla mia storia”. Perego ha semplicemente annunciando il proprio voto favorevole, senza fare una dichiarazione. “Non credo di dover motivare il mio voto favorevole”, ha detto Stefania Prestigiacomo, “la mia storia nelle file di Fi parla per me”.

Esulta il Pd. “Bene! La Camera approva la legge per contrastare #omotransfobia, #misoginia e #abilismo”, ha scritto su Twitter Nicola Zingaretti. “Quando c’è da fermare violenza e odio il @pdnetwork combatte, sempre. Ora presto approvazione al Senato, per un’Italia più umana e civile”. I deputati M5s della commissione Giustizia “Con il voto di oggi il Paese ha compiuto un importante passo in avanti verso la conquista di una legge di civiltà attesa da decenni. Siamo felici e orgogliosi di aver lavorato a una legge tanto importante”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

EccoMI, decolla il progetto per connettere gli anziani ospiti delle Rsa con i loro familiari

next
Articolo Successivo

Covid, 3300 detenuti possono chiedere i domiciliari, ma 1100 non hanno una casa. Il Garante: “I Comuni devono dare una mano”

next