Nelle residenze per anziani milanesi arriva EccoMI, un progetto promosso da Fondazione Amplifon, Cisco, Durante e Comune di Milano, con l’appoggio di Uneba Lombardia, nato per offrire agli ospiti delle Rsa nuovi strumenti a base di grandi schermi e connessioni potenti per far comunicare gli ospiti delle strutture con le loro famiglie.

L’iniziativa che riguarda 10 strutture milanesi, è stata presentata martedì nel corso di una conferenza stampa virtuale alla quale hanno partecipato il Sindaco di Milano Beppe Sala, l’Assessore alle Politiche Sociali e abitative Gabriele Rabaiotti, la General Manager di Fondazione Amplifon Maria Cristina Ferradini, l’amministratore delegato di Cisco Agostino Santoni e il Presidente Uneba Lombardia Luca Degani.

Il progetto prevede l’attivazione di una postazione di telepresenza Cisco Webex DX80 in ciascuna delle Rsa che partecipano all’iniziativa. La soluzione offre alle persone, attraverso uno schermo da 24 pollici, la possibilità di comunicare con i propri cari anche in video, con gesti semplici come fare una telefonata e con un’altissima qualità di immagine e suono, per un’esperienza di “compresenza” molto vicina al dialogo di persona.

I familiari degli ospiti, dal canto loro, possono usare per collegarsi qualsiasi dispositivo connesso a internet: smartphone, PC o tablet. I sistemi sono installati gratuitamente e ogni Rsa, e gli utenti da remoto, dispongono di assistenza continua grazie alla collaborazione con l’azienda Durante, che ha siglato al riguardo con Fondazione Amplifon un accordo per la gestione e manutenzione dei sistemi e per facilitare la comunicazione tra ospiti delle Rsa e i loro familiari.

“Sarà quasi come vedersi e parlarsi faccia a faccia. Ringrazio quindi queste tre aziende – ha commentato il Sindaco – per il dono fatto agli anziani e alle nostre strutture. Hanno contribuito concretamente e in un periodo molto difficile a migliorare le giornate di chi, in questo momento, è davvero più fragile e solo”.

EccoMI, spiega una nota, rappresenta un efficace modello di collaborazione tra pubblico e privato, che unisce le forze di soggetti le cui capacità e competenze complementari consentono di lanciare in tempi rapidi iniziative che aiutano le istituzioni a rispondere a nuovi bisogni, aprendo un dialogo con tutti i soggetti coinvolti. Il progetto è stato realizzato anche in costante dialogo con Uneba, associazione che riunisce in tutta Italia circa 1000 enti del settore sociosanitario e socioassistenziale, di cui 400 in Lombardia: quasi tutti non profit di radici cristiane, in maggioranza strutture per anziani non autosufficienti.

“Si tratta di un’iniziativa che cerca in maniera concreta di far fronte ad un bisogno di molti anziani ospiti nelle Case di Riposo e nelle Rsa – ha spiegato Ferradini -. Il lockdown ha determinato una situazione di isolamento prolungato, che va combattuto con tutte le nostre forze non solo perché ne va della qualità e della vita quotidiana e della loro serenità, ma anche perché può generare anche problematiche di ordine cognitivo e relazionale. Dare la possibilità ad un anziano di poter dialogare e vedere in modo semplice e immediato i propri cari ha un valore grandissimo che influisce sul suo benessere e sullo stato di salute generale”.

Per il futuro, nelle intenzioni dei promotori e in particolare della capofila del progetto Fondazione Amplifon, EccoMI è un progetto che si potrebbe estendere anche ad altre città italiane. Secondo l’amministratore delegato di Cisco Italia EccoMi “mette in luce molto chiaramente il valore della tecnologia come opportunità per migliorare la vita delle persone. Il nostro lavoro quotidiano punta a consentire a istituzioni, imprese, comunità di sfruttare tutto il potenziale del digitale per le loro esigenze contribuendo allo stesso tempo a creare un mondo più inclusivo con un obiettivo grande, che si può raggiungere solo facendo rete: EccoMi è un esempio di come connettere in modo proficuo risorse e competenze per creare un impatto positivo”.

Come ulteriore iniziativa a favore degli ospiti delle Rsa, Fondazione Amplifon e Cisco hanno intenzione di proporre ai propri dipendenti, nel quadro delle attività di volontariato aziendali, di mettere a disposizione del tempo per videochiamate e chiacchiere di compagnia con gli anziani ricoverati.

Memoriale Coronavirus

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Lavoratrice fragile con tumore e senza lavoro: i lettori de ilfattoquotidiano.it bonificano migliaia di euro. “Insieme a voi ho vinto: l’azienda mi reintegra”

next
Articolo Successivo

Legge contro l’omotransfobia, la Camera approva a scrutinio segreto: 265 sì. Cinque dissidenti di Forza Italia votano a favore

next