“Dopo aver avuto una fase di transizione, ci troviamo in una fase che tecnicamente definiamo di escalation e quindi in parte dobbiamo usare misure di contenimento e in parte misure di mitigazione”. Il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss) Silvio Brusaferro, poche ore dopo che il premier Giuseppe Conte ha firmato il nuovo dpcm, è intervenuto in audizione in Commissione Affari Sociali della Camera per fare il punto rispetto alla tenuta del sistema. Poco dopo, in commissione Sanità del Senato è stato invece audito Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe che ha sottolineato come, in questa seconda ondata, ci siano nuove criticità che rendono peggiore la situazione rispetto a marzo: questo a causa di una situazione preoccupante delle strutture nel centro Sud, delle pressioni su un personale sanitario “meno motivato” e infine, per i continui “attriti” tra governo ed enti locali. “Siamo in ritardo sull’evoluzione del virus”, ha dichiarato.

Brusaferro: “Alcune Regioni hanno superato la soglia dei ricoveri, altre sono vicine” Il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss) ha parlato della situazione complessiva di ospedali e reparti: “A differenza della prima ondata, il virus circola in tutte le Regioni” anche se “abbiamo situazioni con circolazione contenuta e altre con valori particolarmente elevati”. Uno dei dati importanti è la percentuale della positività al tampone: “Quando supera il 4% è un indicatore di una forte circolazione, e in tutte le regioni del nostro Paese c’è questa caratteristica”. “Quello dei ricoveri con sintomi è un numero che sta crescendo e merita attenzione” e “lo stesso vale per le terapie intensive”. Rispetto all’occupazione dei posti letto in degenza ordinaria di aria medica, “alcune Regioni hanno superato il cut-off, altre no ma sono vicine”.

Il significato dei cut-off, ovvero dei valori soglia definiti dal Ministero della Salute, è che se abbiamo “oltre il 40% di occupazione dei letti di area medica per patologie Covid vuol dire che dobbiamo riprogrammare le attività sanitarie dilazionabili per altre patologie, così da trovare posto e dare priorità ai pazienti con Sars-cov-2″. “In queste ultime settimane la curva ha avuto un picco significativo”, ma “la presenza di asintomatici e paucisintomatici è una caratteristica di questa fase dell’epidemia”. Altro elemento per capire l’evoluzione dell’epidemia, ha proseguito Brusaferro, “l’età mediana delle persone che contraggono infezioni a inizio epidemia sfiorava i 70 anni, a Ferragosto era sotto i 30 anni, a fine settembre e ottobre era intorno ai 40 anni e lentamente sta crescendo. Questo è un elemento di attenzione perché significa che un numero crescente di persone anziane sta contraendo l’infezione e sappiamo che, nel loro caso, implica la possibilità di sintomatologia impegnativa e metodi invasivi di cura”.

Cartabellotta: “Siamo in ritardo sull’evoluzione del virus” “In questa seconda ondata siamo messi peggio di marzo, c’è un coinvolgimento del centro sud, che ha servizi sanitari più fragili, abbiamo di fronte 4-5 mesi di inverno, c’è la pressione data dall’epidemia influenzale, il personale sanitario è meno motivato e ci sono attriti tra governo e enti locali che impediscono di prendere le misure più opportune”, ha detto Cartabellotta davanti alla commissione di Palazzo Madama. Secondo Cartabellotta il sistema ha perso tempo e ritardato troppo gli interventi: “Siamo in ritardo sull’evoluzione del virus, passano 15 giorni tra il contagio e la notifica dei casi, c’è inoltre un ritardo in molte regioni sulla notifica delle diagnosi. L’indice Rt non può essere utilizzato da solo per decidere le misure, perché è in ritardo e può essere sottostimato, deve essere valutato insieme ad altri parametri. Inoltre siamo in ritardo con i Dpcm, stiamo andando verso il lockdown totale perchè non siamo in grado di valutare gli effetti delle misure introdotte con i vari decreti. Bisogna notare che anchde un lockdown totale da solo permette di ottenere una riduzione del 50%dei casi al ventottesimo giorno”. Sull’accesso ai dati, ha aggiunto l’esperto, c’è bisogno di più trasparenza. “La legge assegna all’Iss la sorveglianza utilizzando una piattaforma che è ad accesso riservato, i ricercatori indipendenti non possono fare nessuna ricerca ulteriore. L’altro aspetto è il monitoraggio degli indicatori del 30 aprile 2020, il report non è pubblico, periodicamente emerge attraverso organi di stampa ma è riservato. Riteniamo che rispetto al report è opportuno che vengano resi pubblici i contagi per comune, mentre ora li abbiamo solo per provincia. Inoltre si dovrebbe rendere accessibile il database in formato open data, mentre per il monitoraggio della fase 2 si dovrebbero rendere pubblici i report e i database in formato open data, ed espliciti e riproducibili i criteri per l’attribuzione del livello di rischio”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sala: “In dpcm misure severe ma Milano le rispetterà. Mi batto per aiuti subito”. Sospesi pagamenti area “C” e strisce blu

next
Articolo Successivo

Brusaferro (Iss): “Trasparenza? I dati trasmessi a chi ne fa richiesta, c’è massima disponibilità. Regioni, se vogliono, possono diffondere i loro”

next