Da Tiziano Ferro a Vladimir Luxuria, la comunità Lgbtqi+ risponde a Giorgia Meloni, che in Parlamento si è opposta alla legge contro l’omotransfobia,m chiedendo se davvero è ciò che chiedono gli omosessuali. Decine hanno risposto all’appello lanciato sui social per replicare alla leader di Fratelli d’Italia. “Il 3 novembre tornerà all’esame della Camera la proposta di legge Zan contro omobitransfobia, misoginia e abilismo. La speranza concreta è quella di approvarla in tempi rapidi ma c’è ancora chi, come l’onorevole Giorgia Meloni, si chiede se la comunità LGBTQ+ di questo Paese sia sicura di volere questa legge nonostante il periodo così difficile. La nostra risposta è contenuta in questo video e invitiamo anche voi a farvi sentire: postate un breve video o una Instagram story di 15 secondi in cui rispondete “Sì, Giorgia Meloni, siamo sicuri”. Ecco una raccolta di alcuni interventi

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“È più grave aborto o pedofilia? Mogli devono essere sottomesse”. Polemica per l’omelia di un prete nel Maceratese: “Raccapricciante”

next
Articolo Successivo

‘Sì, Giorgia, siamo sicuri che la legge Zan serva’: la risposta a una destra che ha problemi coi diritti fondamentali

next