Pandemia, Iran, Libia, Biden. Sono gli ingredienti che stanno annacquando il petrolio, oggi di nuovo in calo sui mercati. A Londra un barile di brent, il petrolio estratto nel mare del Nord che funge da riferimento per gli scambi europei, si vende a 37$ , il 2% in meno rispetto a ieri e il 40% in meno di un anno fa. Il petrolio statunitense WTI scende del 6% a 33,6 dollari. A spingere verso il basso il petrolio è un insieme di fattori. Il primo è naturalmente il rallentamento economico indotto dalla pandemia che ha causato un calo della domanda del 30% negli ultimi mesi. L’Opec (organizzazione che riunisce gran parte dei principali paesi produttori) stima che il 2020 si chiuderà con una domanda media di 90 milioni di barili al giorno, circa il 10% in meno rispetto al 2019. Ma, soprattutto, vacillano le previsioni dell’organizzazione per una ripresa dei consumi nei mesi invernali.

Contribuisce a deprimere i prezzi anche la ripresa della produzione in Libia. Significa più petrolio sul mercato e quindi offerta ancora più abbondante, a fronte di una domanda stagnante. Nel paese nordafricano sono stati rimessi in funzione impianti fermi da otto mesi, a causa degli scontri armati tra diverse fazioni. La produzione è così risalita a 680mila barili al giorno, quasi 200mila in più rispetto all’ inizio di ottobre. Come in tutti i mercati, anche su quello del greggio si fanno poi sentire attesa e tensioni per le elezioni statunitensi. Una vittoria del candidato democratico Joe Biden potrebbe ammorbidire l’atteggiamento della Casa Bianca nei confronti dell’Iran. Teheran avrebbe quindi la possibilità di aumentare la quantità di greggio che vende sui mercati provocando un ulteriore incremento dell’offerta di barili.

Nella sua caduta il petrolio inizia a trascinare con se le monete che ad esso sono più legate. Oggi il rublo russo ha roccato il cambio più basso nei confronti dell’euro dal 2014. Un euro si scambia l momento con 93,8 rubli, un dollaro con 80,7. Mosca ottiene circa il 60% delle sue entrare dalla vendita di petrolio e gas (i cui prezzi sono in una certa misura agganciati a quelli del greggio). Il paese ha bisogno che il greggio venga venduto ad almeno 49 dollari al barile per mantenere in equilibrio le sue finanze.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sorpresa dall’industria europea, in ottobre ordini e attività in crescita nonostante Covid. Pmi Italia sui massimi da oltre due anni

next
Articolo Successivo

Cina, salta la quotazione da 37 miliardi di dollari della fintech Ant Group. Il fondatore Jack Ma aveva criticato le banche statali

next