Nel corso degli ultimi mesi la Polizia di Stato di Genova, in collaborazione con la Divisione Si.Re.Ne. del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, ha rintracciato all’estero cinque lituani ricercati per la rapina commessa il 20 agosto 2019 in una nota gioielleria di Rapallo.

In quell’occasione, tre persone si erano introdotte a volto scoperto all’interno dell’esercizio commerciale; mentre uno dei tre minacciava con una pistola una dipendente, gli altri due, dopo aver infranto con una mazza ed una accetta le vetrine, si erano impossessati di 18 orologi Rolex in esposizione, per un valore di poco meno di duecentomila euro. La borsa contenente la refurtiva era poi stata passata al palo della banda che, inseguito dai passanti, era stato costretto a disfarsene.

Dai successivi accertamenti è stato possibile identificare i cinque uomini, veri e propri pendolari della rapina: infatti, le indagini condotte dalla Squadra Mobile e coordinate dalla locale Procura della Repubblica hanno consentito di individuare, oltre ai tre che materialmente erano entrati all’interno della gioielleria e al quarto complice che aveva ricevuto il bottino subito dopo il colpo, anche un quinto soggetto, che aveva eseguito una serie di sopralluoghi al fine di una perfetta pianificazione del delitto.

La presenza di molti villeggianti ha vanificato gli sforzi organizzativi della banda. Gli uomini sono stati segnalati immediatamente con dovizia di particolari, le indagini scattate immediatamente hanno permesso di individuarli e di trarli in arresto.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Galli: “Situazione sempre più preoccupante. Non affolliamo i cimiteri, i nostri morti ricordiamoli nel cuore”

next
Articolo Successivo

Scontri a Firenze alla manifestazione contro Dpcm, disordini e tensioni fino a tarda notte. Diverse cariche della polizia (le immagini)

next