Come viaggia nell’aria il coronavirus nei 30 secondi successivi a un colpo di tosse? A rivelarlo è una video-simulazione 3d, realizzata dai ricercatori dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma. L’analisi, realizzata riproducendo l’ambiente chiuso della sala di attesa di un pronto soccorso, è stata effettuata sia sui droplet, che sull’aerosol. Nel test, effettuato in collaborazione con Ergon Research e SIMA – Medicina Ambientale, sono presenti 12 persone, sei bambini e sei adulti, senza mascherina, e tre diversi scenari: sistema di aerazione spento, a velocità standard, e a velocità doppia. Ecco la differenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“È un’esplosione che non ci aspettavamo, personale ridotto all’osso”, l’allarme dell’ospedale San Filippo Neri di Roma

next