Come viaggia nell’aria il coronavirus nei 30 secondi successivi a un colpo di tosse? A rivelarlo è una video-simulazione 3d, realizzata dai ricercatori dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma. L’analisi, realizzata riproducendo l’ambiente chiuso della sala di attesa di un pronto soccorso, è stata effettuata sia sui droplet, che sull’aerosol. Nel test, effettuato in collaborazione con Ergon Research e SIMA – Medicina Ambientale, sono presenti 12 persone, sei bambini e sei adulti, senza mascherina, e tre diversi scenari: sistema di aerazione spento, a velocità standard, e a velocità doppia. Ecco la differenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“È un’esplosione che non ci aspettavamo, personale ridotto all’osso”, l’allarme dell’ospedale San Filippo Neri di Roma

next