“Il tampone è una stronzata”. Cristiano Ronaldo non ha preso bene la positività al Covid-19 che lo costringerà a saltare la sfida di Champions contro il Barcellona. Talmente male da condividere quel commento tai toni quasi negazionisti con i suoi oltre 241 milioni follower su Instagram. Un post cancellato dopo qualche ora, dopo che pure il noto virologo Roberto Borioni aveva commentato, sempre su twitter: “Do il benvenuto nella nutrita schiera dei virologi al collega Cristiano Ronaldo. Sarà utilissimo nella prossima partitella contro gli oculisti”.

La conferma della positività di Ronaldo era arrivata ieri dopo l’esito dell’ennesimo tampone a cui si è sottoposto il campione portoghese e che lo costringerà a saltare la sfida di Champions League tra la sua Juventus e il Barcellona di Leo Messi, suo rivale da sempre.

Sarà stato il nervosismo per l’ennesimo stop forzato o il paragone tra l’esito del test e il suo stato di salute, fatto sta che l’attaccante bianconero stamani aveva postato sulla sua pagina Instagram un messaggio inequivocabile o, meglio, un commento inequivocabile a un suo post, il tutto nell’arco di sette minuti. Prima una sua foto sorridente con le parole “Mi sento bene e in salute! Forza Juve“, poi, dopo alcuni commenti di suoi fan, l’inequivocabile “PRC is bullshit”, ovvero “Il tampone è una stronzata!”.

Un messaggio sbagliato che ha avuto un’eco enorme, considerando che l’attaccante della Juventus come detto ha all’attivo 241 milioni di followers solo su Instagram. A pochi minuti dalla sua pubblicazione il messaggio ha già incassato 8.457 like e 1.270 risposte. Ronaldo, pentito e convintosi forse anche grazie all’attenzione data al suo post dai media, ha fatto dietrofront cancellandolo.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il Veneto supera i 2mila casi in un giorno. Altri 11 decessi. I dati delle Regioni

next
Articolo Successivo

Brugge-Lazio 1-1: Correa e difesa, un punto d’oro per una squadra decimata dalle assenze

next