“Noi vogliamo capire su quali basi sono state assunte decisioni che non riteniamo sufficientemente solide e noi chiediamo modifiche su alcuni punti”. Ad affermarlo è Ettore Rosato, esponente di Italia Viva, parlando con i cronisti fuori da palazzo Chigi. Crisi di governo? “Noi non siamo interessati a questo”. Modifiche a un dpcm varato solo 48 ore fa non genererebbe confusione? “Ne sono stai varati tre in 12 giorni – replica Rosato – dunque si può fare una verifica anche di quest’ultimo provvedimento, come noi chiediamo. Secondo noi le imposizioni fatte ai ristoratori, bar e mondo della cultura sono irragionevoli, perché non legate al rischio di contagio”. Rosato elenca un lungo numero d’investimenti dalla sanità ai trasporti, che Governo e Regioni dovrebbero fare perché “lo sapevamo da mesi che ci sarebbe stata una seconda ondata e ci dovevamo organizzare in maniera diversa”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Ristori, Castelli: “Indennizzi entro 10 giorni da bollinatura. Troppe chiusure? Credo nella maggioranza, spero che le misure bastino”

next
Articolo Successivo

Decreto Ristori, Conte: “Vale oltre 5 miliardi”. Gualtieri: “Per i piccoli ristoranti contributo medio di 5.173 euro, per i grandi 25mila”

next