“Domani avremo un incontro con il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Uno dei temi su cui chiediamo una risposta è quello di reiterare un provvedimento, quello della cassa integrazione Covid e del blocco dei licenziamenti per altre 18 settimane, perché pensiamo che accanto al sostegno alle imprese l’obiettivo deve essere di non perdere nemmeno posti di lavoro”. A rivendicarlo il leader della Cgil, Maurizio Landini, intervenendo all’assemblea di Legacoop Produzione e Servizi, organizzata in diretta streaming.
“Non vogliamo solo discutere di ammortizzatori sociali ma che si riapra il dialogo con le parti sociali che si era interrotto e che è indispensabile per progettare il nostro futuro”, ha aggiunto Landini. Sull’ultimo dpcm e sulle misure restrittive decise, il segretario Cgil ha poi spiegato: “In onestà, bisogna dire che qualcosa non ha funzionato. In questo dpcm ci sono misure finalizzate a ridurre la mobilità e questo perché i tracciamenti non stanno funzionando“. E ancora: “Non possiamo vedere cosa succede tra un mese. O faccio subito interventi o mi troverò in una situazione ancora più difficile”.
Sul dibattito sul Mes, invece, Landini ha ribadito come per i sindacati “tutti i fondi europei vanno utilizzati“. “Siamo consapevoli che il Mes è un prestito, ma da quello che ho capito, uno dei vantaggi è che le condizioni favorevoli ti consentono di risparmiare interessi che il nostro Paese paga. Il tema però è capire che investimenti fare“.
Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoratori fragili, Lisa Noja (Italia viva): “È un disastro. Bisogna intervenire subito e stanziare nuovi fondi per vere tutele”

next
Articolo Successivo

L’odissea di chi cerca lavoro nella Milano del Covid. Tra domande umilianti, contratti di 15 giorni e salari sotto la soglia di povertà

next