Si sono presentati in massa, questa mattina, centinaia di operai dello stabilimento Whirlpool di via Argine a piazza Plebiscito per un incontro con il prefetto di Napoli. La richiesta è sempre la stessa: lo stabilimento non deve chiudere. Sembrano ormai inesistenti gli spazi per una trattativa con la multinazionale eppure gli operai non mollano e avvertono: “Da domani diventeremo cattivi, il governo mantenga le promesse”. “L’incontro di ieri con il Mise e l’azienda sulla vertenza Whirlpool è stato molto deludente. Ciò che ci delude è che si consenta a una multinazionale di dire bugie davanti alle massime istituzioni dello Stato”. A dirlo è stata Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom-Cgil che sta partecipando alla protesta. “Quando la multinazionale piange miseria e dice che Napoli va chiusa perché il prodotto non funziona – secondo Tibaldi – nasconde il fatto che invece Whirlpool ha guadagnato in questo trimestre molto più del 2019 nonostante l’emergenza pandemica. Inoltre, da quello che sappiamo, le lavatrici prodotte a Napoli andranno a farle altrove”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rider, il ministero del Lavoro sul contratto di comodo: “Abbiamo fatto quello che potevamo”. Pd: “Dalle piattaforme azioni ripugnanti”

next
Articolo Successivo

“Puliamo scuole, ospedali, uffici, bus. Ma ci danno 7 euro lordi all’ora”: la battaglia dei lavoratori multiservizi per il contratto

next