Non si può andare in palestra o in piscina, niente film al cinema o spettacoli a teatro. Al bar e al ristorante si consuma prima delle 18, anche la domenica, ma non ci si può sedere in più di 4 attorno allo stesso tavolo. Alle scuole superiori torna la didattica a distanza: almeno il 75% delle lezioni – ma è possibile diventino anche il 100% – è online. Per gli sportivi niente sci, mentre proseguono solo i campionati nazionali. Estetisti, parrucchieri e barbieri possono continuare a lavorare. Si può anche andare nei musei – ingressi contingentati – e a fare shopping, a patto di rimanere nel negozio solo il tempo utile all’acquisto. Basta feste, anche dopo matrimoni o altre cerimonie. Infine, gli spostamenti: non ci sono paletti, ma la forte “raccomandazione” a ridurre la propria mobilità alle sole attività essenziali. Rimane consentito muoversi fuori dal proprio comune o dalla propria regione: i governatori però possono disporre diversamente tramite ordinanze specifiche. Sono le principali misure che regoleranno i nostri comportamenti da oggi al prossimo 24 novembre, le restrizioni pensate dal governo per la lotta alla pandemia di coronavirus. Ecco cosa si potrà e non si potrà fare:

CHIUSI I CENTRI CULTURALI, STOP A TUTTE LE FIERE.
Niente palestre, piscine, terme, discoteche, sale giochi, sale scommesse, sale bingo, casinò. Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, cinema e in altri spazi “anche all’aperto”. Serrande abbassate anche per i centri sociali e ricreativi. Chiudono anche i parchi tematici. Non si potranno tenere sagre e fiere, neanche quelle a livello nazionale e internazionale che erano state salvate dal precedente dpcm. Stop anche a convegni e congressi: si torna alla modalità a distanza.
Restano aperti invece i musei, parchi e le aree giochi per i bambini ma gli ingressi del pubblico sono ridotti e resta obbligatorio il distanziamento.

BAR E RISTORANTI CHIUSI ALLE 18, LA DOMENICA APERTI
Le attività dei servizi di ristorazione (la cui apertura può essere dalle 5 in poi) non potranno avere clienti a partire dalle 18 ma resteranno aperte la domenica, diversamente da come era stato pensato inizialmente. Scendono da 6 a 4 le persone che possono sedersi attorno allo stesso tavolo, a parte i casi di nuclei familiari più numerosi (dove tutti sono conviventi). Dalle 18 in poi è consentito il servizio a domicilio e da asporto ma non si potrà consumare il cibo acquistato nei luoghi pubblici, per strada e nelle piazze. Le regole applicate ai ristoranti sono estese anche alle strutture agrituristiche.
Restano aperte con i normali orari invece le aree di servizio lungo le autostrade, così come i locali all’interno di ospedali e aeroporti. Sono ancora consentite le attività di mensa e catering.

PARRUCCHIERI E NEGOZI RESTANO APERTI
I saloni di bellezza, i parrucchieri e i barbieri restano aperti. Lo stesso vale per i negozi, dall’abbigliamento alle librerie: non ci sono limiti d’orario. Valgono ovviamente le regole del distanziamento e degli ingressi ridotti. C’è una novità nel Dpcm: non si potrà più girovagare per un negozio, ma restarci solo il tempo necessario per acquistare quello che ci serve. Rimangono aperti anche i centri commerciali, a meno che non siano le regioni a disporre diversamente.

SCUOLA, DAD FINO AL 100% ALLE SUPERIORI
Le scuole superiori adotteranno una didattica a distanza almeno al 75% che può diventare anche l’unica modalità. Si suggerisce anche di spalmare l’orario scolastico al pomeriggio e comunque l’ingresso sarà a partire dalle 9. Tutto questo per alleggerire il traporto pubblico. Resta in presenza l’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione, materna, elementari e medie.

SPORT, SOLO GARE NAZIONALI. CHIUDONO GLI IMPIANTI DI SCI.
Tutte le competizioni degli sport di contatto non professionistiche o a carattere nazionale sono sospese. Stop anche agli allenamenti: solo per le discipline non di contatto ci si potrà continuare ad allenare, ma fuori da piscine e palestre che sono chiuse. Si ferma per il momento anche lo sci: gli impianti potranno essere usati solo per gli allenamenti degli atleti professionisti.

VIETATE LE FESTE, SI RACCOMANDA ‘STOP OSPITI A CASA’
Sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto, comprese anche quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose: niente ricevimento dopo un matrimonio. A casa è raccomandato non ricevere persone diverse dai conviventi: basta feste in casa ma anche tavolate con i parenti. Ovviamente è un consiglio, così come viene chiesto di non muoversi per motivi diversi dal lavoro o da situazioni di necessità. Per ora però, salvo ordinanze regionali, non ci sono limiti agli spostamenti.

MANIFESTAZIONI ‘STATICHE’. POSSIBILE CHIUSURA DI PIAZZE
Le manifestazioni si dovranno tenere nel rispetto delle distanze e delle altre misure di contenimento. “Delle strade o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, può essere disposta la chiusura al pubblico, dopo le ore 21, fatta salva la possibilità di accesso, e deflusso, agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, i gestori delle palestre in piazza contro il nuovo Dpcm: “Abbiamo bisogno di lavorare. Salvaguardare la nostra funzione sociale”

next
Articolo Successivo

Ricciardi a La7: “Nuovo dpcm? Passo avanti, ma non sufficiente. Servono lockdown locali per rallentare il virus”

next