Non si può andare in palestra o in piscina, niente film al cinema o spettacoli a teatro. Al bar e al ristorante si consuma prima delle 18, anche la domenica, ma non ci si può sedere in più di 4 attorno allo stesso tavolo. Alle scuole superiori torna la didattica a distanza: almeno il 75% delle lezioni – ma è possibile diventino anche il 100% – è online. Per gli sportivi niente sci, mentre proseguono solo i campionati nazionali. Estetisti, parrucchieri e barbieri possono continuare a lavorare. Si può anche andare nei musei – ingressi contingentati – e a fare shopping, a patto di rimanere nel negozio solo il tempo utile all’acquisto. Basta feste, anche dopo matrimoni o altre cerimonie. Infine, gli spostamenti: non ci sono paletti, ma la forte “raccomandazione” a ridurre la propria mobilità alle sole attività essenziali. Rimane consentito muoversi fuori dal proprio comune o dalla propria regione: i governatori però possono disporre diversamente tramite ordinanze specifiche. Sono le principali misure che regoleranno i nostri comportamenti da oggi al prossimo 24 novembre, le restrizioni pensate dal governo per la lotta alla pandemia di coronavirus. Ecco cosa si potrà e non si potrà fare:

CHIUSI I CENTRI CULTURALI, STOP A TUTTE LE FIERE.
Niente palestre, piscine, terme, discoteche, sale giochi, sale scommesse, sale bingo, casinò. Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, cinema e in altri spazi “anche all’aperto”. Serrande abbassate anche per i centri sociali e ricreativi. Chiudono anche i parchi tematici. Non si potranno tenere sagre e fiere, neanche quelle a livello nazionale e internazionale che erano state salvate dal precedente dpcm. Stop anche a convegni e congressi: si torna alla modalità a distanza.
Restano aperti invece i musei, parchi e le aree giochi per i bambini ma gli ingressi del pubblico sono ridotti e resta obbligatorio il distanziamento.

BAR E RISTORANTI CHIUSI ALLE 18, LA DOMENICA APERTI
Le attività dei servizi di ristorazione (la cui apertura può essere dalle 5 in poi) non potranno avere clienti a partire dalle 18 ma resteranno aperte la domenica, diversamente da come era stato pensato inizialmente. Scendono da 6 a 4 le persone che possono sedersi attorno allo stesso tavolo, a parte i casi di nuclei familiari più numerosi (dove tutti sono conviventi). Dalle 18 in poi è consentito il servizio a domicilio e da asporto ma non si potrà consumare il cibo acquistato nei luoghi pubblici, per strada e nelle piazze. Le regole applicate ai ristoranti sono estese anche alle strutture agrituristiche.
Restano aperte con i normali orari invece le aree di servizio lungo le autostrade, così come i locali all’interno di ospedali e aeroporti. Sono ancora consentite le attività di mensa e catering.

PARRUCCHIERI E NEGOZI RESTANO APERTI
I saloni di bellezza, i parrucchieri e i barbieri restano aperti. Lo stesso vale per i negozi, dall’abbigliamento alle librerie: non ci sono limiti d’orario. Valgono ovviamente le regole del distanziamento e degli ingressi ridotti. C’è una novità nel Dpcm: non si potrà più girovagare per un negozio, ma restarci solo il tempo necessario per acquistare quello che ci serve. Rimangono aperti anche i centri commerciali, a meno che non siano le regioni a disporre diversamente.

SCUOLA, DAD FINO AL 100% ALLE SUPERIORI
Le scuole superiori adotteranno una didattica a distanza almeno al 75% che può diventare anche l’unica modalità. Si suggerisce anche di spalmare l’orario scolastico al pomeriggio e comunque l’ingresso sarà a partire dalle 9. Tutto questo per alleggerire il traporto pubblico. Resta in presenza l’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione, materna, elementari e medie.

SPORT, SOLO GARE NAZIONALI. CHIUDONO GLI IMPIANTI DI SCI.
Tutte le competizioni degli sport di contatto non professionistiche o a carattere nazionale sono sospese. Stop anche agli allenamenti: solo per le discipline non di contatto ci si potrà continuare ad allenare, ma fuori da piscine e palestre che sono chiuse. Si ferma per il momento anche lo sci: gli impianti potranno essere usati solo per gli allenamenti degli atleti professionisti.

VIETATE LE FESTE, SI RACCOMANDA ‘STOP OSPITI A CASA’
Sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto, comprese anche quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose: niente ricevimento dopo un matrimonio. A casa è raccomandato non ricevere persone diverse dai conviventi: basta feste in casa ma anche tavolate con i parenti. Ovviamente è un consiglio, così come viene chiesto di non muoversi per motivi diversi dal lavoro o da situazioni di necessità. Per ora però, salvo ordinanze regionali, non ci sono limiti agli spostamenti.

MANIFESTAZIONI ‘STATICHE’. POSSIBILE CHIUSURA DI PIAZZE
Le manifestazioni si dovranno tenere nel rispetto delle distanze e delle altre misure di contenimento. “Delle strade o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, può essere disposta la chiusura al pubblico, dopo le ore 21, fatta salva la possibilità di accesso, e deflusso, agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, i gestori delle palestre in piazza contro il nuovo Dpcm: “Abbiamo bisogno di lavorare. Salvaguardare la nostra funzione sociale”

next
Articolo Successivo

Ricciardi a La7: “Nuovo dpcm? Passo avanti, ma non sufficiente. Servono lockdown locali per rallentare il virus”

next