di Lucia Borroni

Domenica 18 ottobre c’è stata a Trento una manifestazione per chiedere la liberazione di tre orsi che la Provincia Autonoma di Trento definisce “problematici” e che ha pertanto rinchiuso nell’area del Casteller, dove vegetano, sedati, ristretti in spazi limitati.

Quanto questa detenzione sia crudele e per di più basata sull’assunzione totalmente fallace di una presunta pericolosità degli orsi è ormai noto a molti. Il ministro Sergio Costa è intervenuto quanto e come ha potuto; varie associazioni si sono mosse per vie legali; tre donne, Ste Sondrio, Barbara Nosari e Daniela Musocco, sono ormai da trenta giorni in sciopero della fame. E qualche centinaio di animalisti ha manifestato a Trento, con lo slogan “Smontiamo la Gabbia”.

Io ci sono andata, e non mi è piaciuta. Quei megafoni e quei canti a 500 metri dalle tristi gabbie degli orsi, animali schivi e dall’udito sensibilissimo, oltretutto già in condizioni di stress, mi pare abbiano mostrato il solito antropocentrismo: l’esigenza di dire (urlare) la propria, e chissenefrega del benessere hic et nunc di quelli che diciamo di volere difendere.

Senza contare che il blitz di alcuni manifestanti che hanno distrutto qualche decina di metri di reticolati ha fornito al Presidente della Pat Maurizio Fugatti un’occasione d’oro per attaccare gli ambientalisti in blocco. Molti altri presenti, come me, hanno disapprovato. Alcuni, in dissenso, se ne sono andati.

Eppure come non sentire l’entusiasmo, l’energia, la passione dei partecipanti, per la più parte giovani, non particolarmente informati sull’etologia dell’orso e anche piuttosto sprovveduti. Quando giornali e Tv ci mostrano metà Italia spaurita dal Covid (e l’altra metà intenta a negarne l’esistenza), ecco centinaia di persone che ci mettevano la faccia (regolarmente coperta da mascherina, posso testimoniarlo) e manifestavano per gli animali, l’ambiente, la natura. Una trascurabile minoranza? Ma proprio no.

Come non fanno parte di una trascurabile minoranza tutti quei cittadini romani indignati e addolorati dallo squallore feroce con cui Regione Lazio e il Comune di Roma hanno eliminato una famigliola di cinghiali che stanziava in un parco giochi. C’è tanta voglia di ambientalismo in Italia. Solo la politica sembra non accorgersene.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regione Lazio dà il via libera a 686 ettari di impianti fotovoltaici nel Viterbese. Mibact, sindaci e ambientalisti: “Suicidio ambientale”

next
Articolo Successivo

Beyond Meat, l’Europa salva la finta carne per finti vegetariani. Fermate questo scempio!

next