“Non sono gli orsi ad aver chiesto di essere reintrodotti in Trentino. È stato l’uomo che ha deciso di farlo e all’epoca tutti erano d’accordo, perfino con un referendum. Ma adesso è l’uomo che ha rotto il patto di convivenza. La politica deve restituire dignità e libertà a questi animali. E la Provincia autonoma di Trento deve smetterla con la persecuzione”. Stefania Sbarra e Barbara Nosari sono due attiviste per i diritti animali, un impegno che dura da molti anni. La prima è divulgatrice di cucina, in Valtellina, la seconda ingegnere. Dal 21 settembre sono in sciopero della fame. Si idratano con acqua e tisane. Nient’altro. Una forma di protesta e sensibilizzazione per quello che sta avvenendo in Trentino, dove tre plantigradi sono rinchiusi nel recinto del Casteller e altri sono ricercati, perfino con ordine di abbattimento.

“La nostra iniziativa è scaturita come obbligo morale e intellettuale di intraprendere una strada alternativa e complementare a tutto quanto opinione pubblica e associazioni stanno già percorrendo contro una politica nazionale e trentina che specula sulla pelle degli orsi a fronte di un progetto fortemente voluto e ora demonizzato per interessi vari”. L’obiettivo? “La nostra è una lotta ad oltranza, affinché sia restituita la libertà agli incarcerati e siano impedite altre future prigionie”. Sul motivo per cui la politica perseguita gli orsi, le attiviste rispondono: “Perché governa secondo stereotipi culturali arcaici e pregiudizi di specie. L’uomo si scontra con un animale che è quello che è, un predatore. E impone la propria dominanza, per soddisfare precisi interessi”. Eppure esiste un Progetto Life Ursus, finanziato dalla Comunità Europea, che tutela gli orsi. “Ma è sempre più evidente che sta assumendo nel tempo le sembianze di un Progetto Dead Ursus. Ad esempio qualche anno fa sconfinò in Valtellina l’orso M25, che poi è letteralmente scomparso. La vita a coloro che sono stati uccisi durante tutto l’iter del Progetto Life Ursus non potrà essere più restituita. Quegli individui uccisi gridano ancora vendetta ed è giusto e doveroso che ottengano giustizia anche tramite quanto verrà restituito ai loro simili”.

L’obiezione della politica è che alcuni orsi sono ‘problematici’. “Non esiste l’orso ‘problematico’ in natura – rispondono – È una accezione negativa forgiata dal linguaggio scientifico per normare e legittimare una reazione politica che contempli facoltà di togliere vita e libertà all’orso qualora questi non manifesti atteggiamenti ritenuti consoni. Invece, l’orso ottempera di diritto alle sue facoltà vitali: si muove, si espande, mangia secondo le esigenze di specie specifiche, interagisce, reagisce se attaccato, perpetua la sua specie e preserva, difendendolo, il valore intrinseco legato alla sfera emotiva e affettiva dei legami familiari”. Stefania Sbarra conclude: “Esiste, invece, una natura sempre più svilita, deturpata, depredata dalla società umana. E assoggettata ai propri falsi bisogni e al relativo delirio di onnipotenza. Non dimentichiamo che i veri abitanti dei boschi sono gli animali non umani, e tra questi l’orso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Mezzo milione di squali verrà ucciso per produrre il vaccino contro il Covid”: l’allarme degli animalisti. Ma gli scienziati frenano

next
Articolo Successivo

A New York è comparso il Climate Clock. Ma non credo che la minaccia di un’apocalisse funzioni

next