Franco Morbidelli domina il Gp di Teruel e conquista la vittoria dopo una gara passata in testa dal primo all’ultimo giro. Dietro di lui le Suzuki di Alex Rins e Joan Mir, che resta in testa alla classifica Mondiale. Al quarto posto si piazza Pol Espargaro, seguito da Johann Zarco e Miguel Oliveira, è invece settima la Yamaha di Maverick Vinales, seguito dal francese Fabio Quartararo. A chiudere la top ten Iker Lecuona e Danilo Petrucci su Ducati. Andrea Dovizioso, scattato 17°, ha chiuso in 13esima posizione, al termine di un’altra gara deludente per lui e per la Rossa di Borgo Panigale.

Festeggia invece Morbidelli: il pilota della Yamaha Petronas cresciuto nella Accademy VR46 di Valentino Rossi con questo successo pone fine ad una sequenza di 9 vittorie spagnole consecutive ad Aragon, iniziata con Dani Pedrosa nel 2012, e firma la prima vittoria italiana. La seconda vittoria in top-class dopo Misano vale anche a Morbidelli il quarto posto in classifica a soli 25 punti dal leader Mir. Il Mondiale resta apertissimo, con cinque piloti in appena 28 punti, quando mancano tre gare alla fine.

Mir che ha conquistato il 6° podio quest’anno è sempre davanti, pur senza pole e senza vittorie, in una stagione che ha visto 8 vincitori e 6 poleman diversi in 11 gare. Si tratta di un caso unico nella storia della top-class. Secondo a 14 punti c’è Quartararo, a -19 Vinales. Poi i due italiani: Morbidelli e Dovizioso, distante 28 punti nonostante le difficoltà. Il prossimo appuntamento con la MotoGp sarà ora a Valencia l’8 novembre.

“E’ stato bellissimo, come fare un bel viaggio. Sapevo di dover fare una gara aggressiva e quando ho visto che c’era spazio davanti ho dato il massimo giro dopo giro”. Così Franco Morbidelli, pilota Yamaha Petronas, commenta la vittoria. L’italiano si è ritrovato in testa dopo la caduta del poleman Nakagami, poi ha sempre condotto respingendo gli attacchi di Rins. L’altra Suzuki di Mir era troppo distante per tentare il recupero e anche Alex Marquez che ha provato a forzare si è ritrovato sulla sabbia con la sua Honda. “Ho dato tutto, anche con il team abbiamo fatto un ottimo lavoro mettendo a punto la moto per tutta la gara. Io mi sono divertito un sacco, sono contentissimo e questa vittoria va al team. Ora ci siamo“, ha concluso Morbidelli.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

MotoGp, oggi il Gp di Teruel: gli orari e la diretta tv (Sky, Dazn e TV8)

next
Articolo Successivo

Guido Meda, voce storica di Sky, positivo al Covid: “È stato un brutto periodo”. Farà la telecronaca del Gp di Valencia da casa

next