Un aumento a ritmo record, come non accadeva da decenni. Si tratta della popolazione di pinguini e cormorani senza ali, due specie endemiche dell’arcipelago delle Galapagos. Secondo i risultati di un censimento pubblicato venerdì 23 ottobre dal Parco Nazionale delle Galapagos in Ecuador e dalla Fondazione Charles Darwin, i numeri della tribù dei volatili sono cresciuti fino a toccare un nuovo picco: “Il numero di cormorani raggiunge un numero record, secondo dati risalenti al 1977, mentre il numero di pinguini è il più alto dal 2006“, ha affermato il parco in un comunicato. Il record è stato raggiunto grazie a una condizione climatica particolarmente favorevole e all’epidemia di Covid-19, che ha limitato l’intervento umano nella zona e ha permesso agli uccelli di riprodursi.

La popolazione dei pinguini delle Galapagos, gli unici pinguini che abitano l’equatore terrestre, è aumentata da 1.451 nel 2019 a 1.940 nel 2020. Nel caso dei cormorani, invece, il loro numero è aumentato da 1.914 a 2.220 in un anno. Lo studio è stato condotto a settembre nelle principali colonie delle isole Isabela e Fernandina e sugli isolotti Marielas, nell’ovest di questo arcipelago classificato come Patrimonio Naturale dell’Umanità.

Secondo il parco, l’aumento delle loro popolazioni è dovuto alla presenza del fenomeno climatico “La Niña”, che aiuta questi uccelli a trovare più cibo. Un altro fattore è stato “la mancanza di disturbo nelle aree di nidificazione di queste specie grazie alla mancanza dell’attività turistica durante la crisi sanitaria” legata al Covid-19.

Per Paulo Proaño, ministro ecuadoriano dell’Ambiente e dell’Acqua, i risultati del censimento riflettono il “buono stato di salute della popolazione” degli uccelli nell’arcipelago, situato di fronte alla costa ecuadoriana, secondo le dichiarazioni pubblicate dal parco. Quello delle Galapagos è una delle specie di pinguini più piccole al mondo: misura al massimo 35 cm. Il cormorano dell’arcipelago, invece, è l’unico che ha perso la capacità di volare, ma ha sviluppato capacità subacquee: usa le sue ali come pinne per muoversi meglio in acqua.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le lotte ambientaliste dovrebbero partire da qui, da un cotiledone

next
Articolo Successivo

Rifiuti di plastica, dove finiscono quelli Ue dopo lo stop cinese all’import. L’Est Europa punto di transito per spedizioni illecite in Asia

next