“Non bisogna arretrare di un millimetro sulle norme di sicurezza, ma non possiamo ignorare il dolore dei familiari dei degenti che non vogliono lasciarli soli”, così il vicepresidente dell’Emilia Romagna, Elly Schlein e l’assessore alle Politiche per la Salute, Raffaele Donini, in calce alla notizia che la Regione di Bologna è al lavoro per dotare i gestori delle strutture residenziali per anziani e disabili (Rsa e Rsd) di tamponi rapidi per favorire una modalità di screening immediato rivolto a familiari e parenti. Entro la prima decade di novembre.

“In questo modo si potrebbero riprendere visite programmate e contingentate” nelle strutture, come si legge sul sito della Regione. In concomitanza con l’arrivo dei tamponi rapidi, i parenti potrebbero infatti avere la possibilità di effettuare il tampone direttamente nella struttura e, in caso di esito negativo, vedersi autorizzare l’incontro con il proprio caro.

La direzione generale dell’assessorato al Welfare e alle Politiche per la salute definirà già nei prossimi giorni le modalità operative della distribuzione dei tamponi rapidi, dopo un confronto diretto con i gestori delle strutture che li richiederanno: Case-residenza per anziani non autosufficienti (Cra), Case di riposo e comunità alloggio per anziani, Centri socio-riabilitativi residenziali per disabili e Case famiglia e gruppi appartamento per anziani e disabili (Csrr), spiega ancora la regione Emilia Romagna.

“È indispensabile trovare una soluzione a quello che giustamente viene vissuto come un dramma nel dramma: l’impossibilità di stare vicino ai propri affetti in un momento così delicato e doloroso come quello che stiamo vivendo, conil rischio da parte di persone che già si trovano in condizioni di fragilità di sentirsi isolate e quasi dimenticate. Naturalmente la sicurezza va garantita e rimane la priorità assoluta, ma accanto all’esigenza sanitaria ne esiste una, altrettanto importante, che è quella affettiva, umana”, sottolineano Schlein e Donini.

Memoriale Coronavirus

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Campania, la scuola è chiusa per tutti tranne che per i disabili. Io la chiamo classe differenziale

next
Articolo Successivo

Papa Francesco sulle unioni civili: le sue non solo sono parole di accoglienza. Ma un vero tsunami

next