Torna il modulo per l’autocertificazione (scaricabile qui) che ha fatto compagnia agli italiani durante il lockdown. Per ora servirà ai cittadini per spostarsi in Lombardia dalle 23 alle 5 di notte e in Campania. Stessa cosa nel Lazio, dove però il coprifuoco scatta un’ora dopo, a mezzanotte. Il governatore lombardo Attilio Fontana ha firmato, insieme al ministro della Salute Roberto Speranza, l’ordinanza che consente solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni d’urgenza, prevedendo in ogni caso il rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza. Una strada seguita anche da Zingaretti, mentre Vincenzo De Luca in Campania ha scelto una linea ancora più dura: oltre al lockdown notturno, le nuove regole prevedono una limitazione degli spostamenti tra province, se non giustificati “da motivi di lavoro, sanitari, scolastici, socio-assistenziali, approvvigionamento di beni essenziali”.

Nel modulo, oltre a fornire le proprie generalità, si dovrà indicare per quali ragioni si è ancora in giro nonostante il divieto. Tra le motivazioni sarà possibile dichiarare: comprovate esigenze lavorative; situazioni di necessità o d’urgenza; motivi di salute o rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza. Alle forze dell’ordine spetteranno poi gli eventuali controlli. Le ordinanze di coprifuoco per ora sono valide fino a metà novembre, ma non è escluso che i presidenti di Regione possano valutare una proroga di fronte all’eventuale recrudescenza dei contagi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Norme più stringenti per le palestre? Noi siamo in regola, guardate”: il video in un centro di Milano. Anif: “Ecco le proposte a Spadafora”

next
Articolo Successivo

Covid, Galli: “Tanti problemi in Lombardia? Si è privilegiata la medicina privata, da più di 20 anni è stata buttata alle ortiche la prevenzione”

next