“In questo momento dobbiamo curare in modo assolutamente attento le persone che cominciano ad avere anche pochissimi sintomi di covid. Queste persone vanno curate a casa. Certo, ci vogliono le unità mobili con medici che siano organizzati e vengano a domicilio. Ma allo stato attuale abbiamo negli ospedali pazienti che potrebbero stare a casa o essere curati in sedi come la Fiera di Bergamo e Milano o in ospedali inutilizzati“. Sono le parole pronunciate ai microfoni di InBlu Radio dal direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Giuseppe Remuzzi, intervistato da Chiara Placenti.

Il medico spiega: “Dobbiamo concentrarci sull’assistenza a domicilio e sulle rianimazioni, cercando di decongestionare gli ospedali con delle unità di cura intermedia e delle terapie sub-intensive che possono essere allestite in piccoli ospedali, attualmente in disuso o inutili, e riconvertiti in ospedali covid. Non dobbiamo fare l’errore di mettere insieme pazienti covid e pazienti non covid in rianimazione, perché questo priva altri malati della possibilità di essere curati. Ora si registra un fenomeno diverso rispetto al passato – continua – Prima i malati di covid non avevano il coraggio di andare negli ospedali e restavano a casa finché non stavano malissimo. Oggi i pazienti hanno paura di stare a casa, perché hanno visto che gli ospedali sono organizzati. E quindi negli ospedali abbiamo pazienti che potrebbero restare a casa. Possiamo allora ricoverarli in ospedali non utilizzati. Qui possiamo mettere tutti quei pazienti che non se la sentono di stare a casa o che potrebbero infettare i familiari, ma che non sono così gravi da affollare gli ospedali. Ma questo va fatto subito, non abbiamo più tempo di discutere, di fare riunioni, di fare protocolli“.

Remuzzi sottolinea la necessità prioritaria di personale sanitario, anche tra specializzandi medici. E aggiunge: “Se aspettiamo gennaio, potrebbe essere troppo tardi perché può darsi che la situazione sia molto peggio. Perché da un momento all’altro siamo ripiombati in questa situazione critica? Non credo che la scuola c’entri. Sicuramente i punti deboli sono i trasporti, la ripresa delle attività e il fatto che le persone non osservano tutte le regole semplicissime che sappiamo, in primis il distanziamento, che è ancora più importante dell’indossare la mascherina. Adesso – conclude – ci si deve organizzare in modo che anche i trasporti privati siano messi a disposizione degli studenti e dei pendolari in questa condizione di emergenza. E’ chiaro che perderanno dei soldi, però il problema ora è salvare delle vite. Altra raccomandazione: le persone che hanno più di 65 anni e che non hanno attività lavorative devono restare a casa per qualche settimana“.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spadafora: “De Luca su Juve-Napoli? Pensi alla Campania, ha fallito”. Zingaretti: “E il ministro pensi allo sport, non dia pagelle”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Conte: “Siamo in una situazione completamente differente rispetto alla prima ondata. Misure restrittive localizzate”

next