In Svizzera l’avanzata del numero dei positivi sta affrontando un aumento importante. Se venerdì ha registrato 3.105 nuovi casi venerdì contro 1.487 una settimana prima, anche nelle ultime 24 ore fa i conti con un numero di contagi che sfiora i tremila (2.986). In totale da inizio pandemia le infezioni sono state 86.167 e 1.845 decessi, di cui 8 nelle ultime 24 ore. Una situazione che ha indotto il governo a varare nuove restrizioni, dalle mascherine alle manifestazioni. La quota di 60 nuove infezioni per 100mila abitanti è la soglia fissata da Berna per giustificare la quarantena di persone provenienti da regioni con tale tasso d’impatto del virus.

Le misure introdotte il 19 ottobre – Da ieri sono vietati gli assembramenti spontanei di più 15 persone nello spazio pubblico. Nei luoghi al chiuso, accessibili al pubblico, dovrà inoltre essere indossata la mascherina. L’obbligo è in vigore in tutte le stazioni ferroviarie, negli aeroporti e alle fermate degli autobus e dei tram. Disposizioni particolari sono state emanate inoltre per le manifestazioni private con più di 15 persone. Nei ristoranti, bar e locali notturni, le consumazioni saranno possibili soltanto da seduti. Il telelavoro è incoraggiato. Analogamente alle manifestazioni pubbliche, le manifestazioni private con oltre 100 persone sottostanno all’obbligo di elaborare e attuare un piano di protezione e possono avere luogo soltanto in strutture accessibili al pubblico.

I numeri – Lo scorso fine settimana l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) ha confermato 8.737 nuovi casi di Covid-19, che includono anche qualche decina di positivi registrati in Liechtenstein. I pazienti ricoverati in ospedale negli ultimi tre giorni sono 171, complessivamente 5.447. In questo arco di tempo, sono stati effettuati 54.185 tamponi per un totale di 1.632.288. Il tasso di positività dall’inizio della pandemia è del 5,8%. Lunedì scorso la Svizzera contava 4.068 nuove infezioni, sette nuovi decessi e 80 persone ricoverate in ospedale sull’arco di tre giorni. Nelle ultime due settimane in Svizzera e nel Liechtenstein si è registrato un tasso di 314,1 casi per 100.000 abitanti. La quota di 60 nuove infezioni per 100.000 abitanti è la soglia fissata da Berna per giustificare la quarantena di persone provenienti da regioni con tale tasso d’impatto del virus.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Oms: “Impennata casi in Europa? Ci sono stati errori sulla quarantena”

next
Articolo Successivo

L’Ocse alla Germania nel 2013: “Dovete ridurre i posti letto in ospedale”. Non aver accolto il consiglio ha salvato migliaia di vite

next