“Noi tecnici siamo un po’ preoccupati, le misure devono essere incisive e la comunicazione efficace. I tentennamenti, i cambi di orientamento disorientano il cittadino. Bisogna fare alcune cose semplici, spiegare che la fase di contenimento per tracciatura non funziona più, non riusciamo a correre dietro ai contagi, sono troppi. Dobbiamo ridurre la possibilità di contagiarsi riducendo le possibilità di vita sociale. I cittadini non devono chiedere un tampone per continuare a vivere come sempre, i cittadini che sospettano di essere malati o di aver avuto un contatto a rischio devono mettersi in isolamento e aspettare il tampone. Il tampone non ci salverà, è l’isolamento tempestivo che ci salverà”. Lo ha detto a Sky TG24, il direttore sanitario dell’ATS Milano Vittorio Demicheli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

In Emilia-Romagna da oggi test sierologici gratis nelle farmacie per studenti, loro familiari conviventi e universitari

next