Nonostante il continuo aumento del tasso di contagio in Repubblica Ceca, adesso il più alto d’Europa, con i dati che hanno superato i 10mila positivi giornalieri nei giorni scorsi, migliaia di manifestanti si sono riversati nelle strade di Praga per protestare contro le restrizioni volute dal governo. I contestatori chiedono le dimissioni del ministro della Salute, Roman Prymula, e la rimozione dell’obbligo di indossare le mascherine, oltre alla chiusura di scuole, ristoranti e bar. Alle proteste si sono uniti anche molti gruppi provenienti da molte tifoserie calcistiche del Paese. Durante le perquisizioni, le forze dell’ordine hanno trovato addosso ai manifestanti oggetti come fuochi d’artificio, tirapugni, bastoni telescopici e almeno un’arma da fuoco. La manifestazione si è conclusa dopo che un funzionario del municipio ha detto che i manifestanti stavano violando i limiti del governo sul distanziamento sociale.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Je suis Samuel”: la Francia ricorda il prof decapitato. Sit-in per la libertà d’espressione tra rabbia e lacrime – FOTO

next