L’allarme di Angela Merkel in Germania, le misure restrittive appena varate in Belgio e Polonia, il nuovo record di casi registrato in Francia. Il coronavirus continua a correre veloce in Europa: a partire proprio dal Paese guidato da Emmanuel Macron, dove sono 32.427 le persone risultate positive al Covid-19 nelle ultime 24 ore. Secondo le cifre diffuse da Santé Publique, il tasso di positività si impenna al 13,1%, nonostante i tamponi effettuati ogni giorno siano ormai circa 200mila. Anche i decessi aumentano: sono stati 90, per un totale di 33.392 da inizio marzo. Non va meglio in Germania, dove Angela Merkel si rivolge direttamente ai cittadini tedeschi, nel terzo giorno consecutivo in cui è stato superato il tetto dei 7mila casi: sono stati 7.830 e i decessi 33, per un totale, dall’inizio della pandemia, di 356.387 infetti e 9.767 vittime “Ora dobbiamo fare il possibile per assicurarci che il virus non si diffonda in modo incontrollabile. Ogni giorno conta”, dice la cancelliera. “Vi chiedo di evitare qualsiasi spostamento che non sia davvero necessario, qualsiasi festa che non sia davvero necessaria. State a casa, ovunque voi siate, in qualunque momento sia possibile”.

Germania –Nel suo intervento rivolto alla popolazione, Merkel si è appellata alla responsabilità individuale. Poi ha avvertito: “L’estate relativamente rilassata è finita. Ora siamo di fronte a mesi difficili. Come sarà il nostro inverno, il nostro Natale, si deciderà nei prossimi giorni e settimane. Lo decideremo tutti con le nostre azioni“. Intanto il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier si è messo in quarantena in attesa del risultato del tampone dopo che una delle sue guardie del corpo è risultata positiva al coronavirus. È invece risultato positivo il ministro degli Esteri austriaco Alexander Schallenberg: un portavoce del ministero ha aggiunto che “c’è il sospetto” che il contagio potrebbe essere avvenuto durante il vertice dei ministri degli Esteri Ue di lunedì in Lussemburgo. Positiva anche la sua omologa belga Sophie Wilmes che però ha precisato che il contagio è probabilmente avvenuto in ambito familiare “viste le precauzione prese fuori casa”.

Belgio Il 13 ottobre scorso, secondo i dati ufficiali, i nuovi positivi hanno superato la soglia dei 10mila in un solo giorno arrivando a 10.369. Tra il 7 e il 13 ottobre scorsi, la media giornaliera dei morti è cresciuta dell’11,7% arrivando a 25 mentre Il tasso di riproduzione del virus ha superato 1,5 , il che vuol dire che ogni contagiato ha a sua volta passato il virus a una persona e mezza. Il tasso di positività ai test è invece arrivato al 13,3%. Per tentare di arginare la diffusione del virus ieri il governo belga ha disposto la chiusura di caffè e ristoranti per quattro settimane e l’attivazione di un coprifuoco notturno dalla mezzanotte alle cinque del mattino in tutto il Paese.

Austria – Nuovo record di casi giornalieri. Sono state 1.747 le infezioni confermate nel paese nelle ultime 24 ore. Il dato giornaliero in questo mese ha ripetutamente superato il picco di 1.050 raggiunto a marzo durante la prima ondata.

Polonia – Nuovo record assoluto di contagi dall’inizio della pandemia. Le autorità sanitarie hanno registrato 9.622 nuove infezioni, con 84 decessi. Il precedente record era stato registrato giovedì, con quasi 8.100 nuovi casi confermati. In tutto, in Polonia sono stati accertati 167.230 casi di contagio e 3.524 decessi. Da oggi sono anche in vigore le nuove misure restrittive decise dal governo. Gli assembramenti nelle cosiddette ‘zone rosse’, le aree con i più alti indici di contagio, sono limitati a 10 persone. In queste zone le università e le scuole secondarie passano all’apprendimento a distanza, mentre nel resto del Paese viene adottato un sistema misto. Palestre e piscine sono state chiuse e tutti gli eventi sportivi a livello nazionale si terranno a porte chiuse. Dallo scorso sabato è invece in vigore l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto.

Russia – Il numero di casi di coronavirus in Russia è aumentato di 14.922 nelle ultime 24 ore contro i 15.150 del giorno precedente. In termini relativi, la crescita per il secondo giorno consecutivo è dell’1,1%. In totale, 1.384.235 persone sono state infettate in Russia.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, il tracciamento non funziona: il 75% dei casi scoperti non è legato a pazienti noti. E dopo il flop il governo studia una nuova app

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “in Svezia niente obblighi e più distanziamento naturale, un metodo che in Italia non avrebbe funzionato”

next